Arrivano gli “Interventi” di Houellebecq dal “fine cintura” alle canzoni di Neil Young

Si apre con Jacques Prévert è un imbecille e si chiude con Il concomitanza Vincent Lambert non sarebbe dovuto accadere, la raccolta di scritti e corrosive riflessioni di Michel Houellebecq, Interventi, che sarà in libreria il 6 settembre per La nave di Teseo, nella collana i Fari, con la traduzione di Sergio Arecco. L’autore de Le particelle elementari, di Sottomissione e di Annientare ci racconta, come ha fatto nei suoi libri, il puro in cui viviamo, ci parla delle letture e visioni che lo raccontano.

Si adatta perfettamente al dibattito italiano sull’eutanasia e sul fine vita, lo scritto sul concomitanza Vincent Lambert, infermiere di quarantadue anni tetraplegico e in stato vegetativo per undici anni dopo un incidente stradale, diventato il simbolo della battaglia per il fine vita. «E così lo Stato francese è riuscito a imporre ciò che perseguivano con accanimento, e da diversi anni, numerosi familiari: la morte di Vincent Lambert», scrisse lo scrittore su Le Monde dopo l’interruzione delle cure che lo tenevano in vita, denunciando le ragioni economiche che avrebbero secondo lui portato alla decisione di «lasciarlo andare» e l’«eccessiva mediatizzazione» del suo concomitanza.

Houellebecq rincarò la dose nella introduzione di un libro di Emmanuel Hirsch dedicato alla evento: «A questo affaire sono state consacrate decine di ore, su tutti i canali, senza togliere dalla testa del grande pubblico l’idea che si riapriva il dibattito sul fine vita. Nonostante non fosse questo il offeso, o comunque non avrebbe dovuto essere questo. Per convincersene, basta tener presente che buona parte dei pazienti in stato vegetativo e pauci-relazionale (in uno stato analogo a quello di Vincent Lambert) lo sono in seguito a un trauma cranico, generalmente accidentale». Prosegue lo scrittore: «Non ci troviamo di fronte a dei malati a fine vita, né particolarmente anziani (quando è stato vittima del suo incidente stradale, Vincent Lambert aveva 32 anni). Siamo di fronte a pazienti handicappati, vittime di un handicap molto grave, uno dei più gravi che ci siano, e l’unica domanda che dobbiamo porci è se la nostra società ha il dovere di farsene carico, di curarli, e, nel concomitanza in cui un miglioramento del loro stato fosse impossibile, garantire loro un dignitoso quadro di vita. La risposta a questa domanda è sì, per delle ragioni morali evidenti (e se la nostra società arrivasse un giorno a rispondere in senso negativo, dovrei da quel momento separarmi da essa)». Nel libro di quasi 500 pagine si parla di Emmanuel Carrère e il problema del bene, di Donald Trump è un buon presidente e di Neil Young.

Si apre con Jacques Prévert è un imbecille e si chiude con Il concomitanza Vincent Lambert non sarebbe dovuto accadere, la raccolta di scritti e corrosive riflessioni di Michel Houellebecq, Interventi, che sarà in libreria il 6 settembre per La nave di Teseo, nella collana i Fari, con la traduzione di Sergio Arecco. L’autore de Le particelle elementari, di Sottomissione e di Annientare ci racconta, come ha fatto nei suoi libri, il puro in cui viviamo, ci parla delle letture e visioni che lo raccontano.

Si adatta perfettamente al dibattito italiano sull’eutanasia e sul fine vita, lo scritto sul concomitanza Vincent Lambert, infermiere di quarantadue anni tetraplegico e in stato vegetativo per undici anni dopo un incidente stradale, diventato il simbolo della battaglia per il fine vita. «E così lo Stato francese è riuscito a imporre ciò che perseguivano con accanimento, e da diversi anni, numerosi familiari: la morte di Vincent Lambert», scrisse lo scrittore su Le Monde dopo l’interruzione delle cure che lo tenevano in vita, denunciando le ragioni economiche che avrebbero secondo lui portato alla decisione di «lasciarlo andare» e l’«eccessiva mediatizzazione» del suo concomitanza.

Houellebecq rincarò la dose nella introduzione di un libro di Emmanuel Hirsch dedicato alla evento: «A questo affaire sono state consacrate decine di ore, su tutti i canali, senza togliere dalla testa del grande pubblico l’idea che si riapriva il dibattito sul fine vita. Nonostante non fosse questo il offeso, o comunque non avrebbe dovuto essere questo. Per convincersene, basta tener presente che buona parte dei pazienti in stato vegetativo e pauci-relazionale (in uno stato analogo a quello di Vincent Lambert) lo sono in seguito a un trauma cranico, generalmente accidentale». Prosegue lo scrittore: «Non ci troviamo di fronte a dei malati a fine vita, né particolarmente anziani (quando è stato vittima del suo incidente stradale, Vincent Lambert aveva 32 anni). Siamo di fronte a pazienti handicappati, vittime di un handicap molto grave, uno dei più gravi che ci siano, e l’unica domanda che dobbiamo porci è se la nostra società ha il dovere di farsene carico, di curarli, e, nel concomitanza in cui un miglioramento del loro stato fosse impossibile, garantire loro un dignitoso quadro di vita. La risposta a questa domanda è sì, per delle ragioni morali evidenti (e se la nostra società arrivasse un giorno a rispondere in senso negativo, dovrei da quel momento separarmi da essa)». Nel libro di quasi 500 pagine si parla di Emmanuel Carrère e il problema del bene, di Donald Trump è un buon presidente e di Neil Young.

More from author

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli Correlati

Advertismentspot_img

Ultimi Post

In Emilia Romagna ritorna La Notte Celeste

In Emilia Romagna ritorna La Notte Celeste

Emilia Romagna, terra dello star bene: torna La Notte Celeste

In Emilia Romagna si festeggerà per tre giorni consecutivi in 12 borghi e in 14 centri termali, da Salsomaggiore (Pr) a Riccione (Rn) con decine di appuntamenti fra spettacoli, cabaret, musica, picnic e degustazioni, escursioni a piedi e in bici in natura, e le immancabili aperture straordinarie fino a tarda sera degli stabilimenti termali, per dilettarsi di trattamenti benessere e delle piscine termali nelle magiche notti estive. I luoghi - La Notte Celeste dell'Emilia-Romagna - arrivata alla 10a edizione - ritorna a illuminare località e centri termali, per regalare alle famiglie e ai giovani uno spensierato week end di relax, divertimento e benessere. Perché l'Emilia Romagna è la terra dello star bene - come recita il claim - con i suoi centri termali, i paesaggi collinari, i caratteristici borghi medievali, la buona tavola e le ampie e attrezzate spiagge della Riviera. I borghi storici e i centri termali che accoglieranno gli ospiti con varie iniziative dedicate alla salute psico-fisica, allo svago, alla bellezza e alla leggerezza sono: Salsomaggiore Terme (Pr), con le Terme di Salsomaggiore e di Tabiano, Monticelli Terme e il suo centro termale (Pr), Sassuolo (Mo) e le Terme della Salvarola, Monterenzio e le Terme dell'Agriturismo, Porretta Terme e il suo parco termale (Bo), Castel San Pietro Terme e le sue terme (Bo), Castrocaro Terme e il suo centro termale (FC), Bertinoro e il Grand Hotel Terme della Fratta Allegroitalia (FC), Bagno di Romagna, con il Ròseo Euroterme Wellness Resort e le Terme Santa Agnese (FC), Riolo Terme e le sue terme (Ra), Riminiterme e Riccione Terme (Rn). Salsomaggiore e Monticelli - Tra i tanti appuntamenti ricordiamo quello che si terrà a Salsomaggiore domenica sera 28 agosto sul palco della Pinko Arena di Parco Mazzini del caratteristico borgo di Salsomaggiore si esibirà Arisa, con il suo “Arisa Little Summer Tour”.  Le Terme di Tabiano offrono nel weekend una serie di trattamenti rinfrescanti, con ingresso alla piscina termalizzata nel centro benessere T-Spatium, mentre le Terme di Salsomaggiore propongono trattamenti termali rigeneranti e rinfrescanti. Il giorno prima, nella splendida cornice del parco secolare delle Terme di Monticelli (Pr), sabato 27 ci sarà una sera speciale: l'apertura in notturna della piscina termale, della galleria Matisse con le saune del terrazzo estivo con vasca idromassaggio esterna, il ogni arricchito da un apericena sotto le stelle con open bar. Per tutte le informazioni: www.lanotteceleste.it  

Ammirare le stelle cadenti nel Borgo dei Desideri

L'appuntamento da segnare in agenda è per il 10 agosto 2022. Dove? Nel luogo più magico - il pozzo, la fontana o un giardino - di uno dei borghi dell'associazione che avrete scelto per trascorrere la serata più suggestiva dell'estate. Dal tramonto all'alba - Sono questi i presupposti da cui nasce l'evento dell'estate dei Borghi più belli d'Italia, il “Borgo dei Desideri”, giunto quest'anno alla sua 3^ edizione: accogliere i visitatori nei meravigliosi borghi dell'Italia nascosta, la sera del 10 agosto, dal tramonto all'alba, e affidare a questi luoghi pieni di suggestione, fascino e atmosfera i propri desideri, scrivendoli e lasciandoli nei luoghi più magici che essi custodiscono: un pozzo, una fontana, un ponte o un giardino segreto. Il magazzino dei desideri - Dopo il successo della scorsa edizione, durante la quale sono stati migliaia i desideri espressi e depositati nei borghi, quest'anno si è pensato di proporre un tema - parecchio nuovo e sentito - sul quale esprimere il proprio desiderio, ossia “garanzia ambientale e preservare il pianeta dai cambiamenti climatici”. Tutti i desideri che saranno lasciati nel luogo identificato da ogni borgo saranno poi raccolti dal Comune, che dovrà nominare una giuria incaricata di selezionarne uno che concorrerà alla selezione finale. Una commissione nazionale voterà poi i primi tre desideri pervenuti da tutt'Italia, i cui autori saranno premiati con uno Smartbox per un weekend per due persone in uno dei Borghi più belli d'Italia. Eventi per la notte delle stelle cadenti - Ogni borgo organizzerà per la serata del 10 agosto iniziative ad hoc ed eventi per far scoprire tutta la bellezza del luogo e assaporare prodotti e specialità della tradizione. Musica, teatro, visite guidate, degustazioni e, nella Notte di San Lorenzo e delle stelle cadenti, tante iniziative per osservare il cielo. Per maggiori informazioni: www.borghipiubelliditalia.it