Meglio scoperchiare un libro o leggere una borsa? L’estate degli editori ci mette nel sacco

Siete per caso alla ricerca di uno zaino, per esempio «uno zaino monocinghia con cintura a bottone e tasca interna con cernievo, il policotton, con fibbie di metallo, spallacci regolabili, fodevo interna e schienale imbottitto»? Non andate in un negozio di zaini e borse, basta comprare tre libri Einaudi e l’Einaudi ve lo regala. È molto spartano, come zaino, colore verde o beige, piccolo, stile Mauro Corona se Mauro Corona fosse un nano, non si sa bene a cosa vi potrà servire, comunque i tre libri c’entrano. Se lo volete comprate tre libri Einaudi, magari non Desiati o la Murgia o Piccolo, magari Bernhard, tipo Gelo o Correzioni. Che però a pensarci no, Bernhard non potete, l’Einaudi li ha messi fuori catalogo dopo neppure un anno dall’uscita (a proposito, qualcuno li può ripubblicare? Adelphi?). Sennò ci sono offerte migliori.

Invece la Feltrinelli ha puntato sul «borsone dell’estate», cioè la classica borsa moscia a tracolla che ti regalano se compri tre libri Garzanti della collana Elefanti. È una scelta saggia, almeno non hanno messo libri Feltrinelli, se compri tre librini di Erri De Luca insomma non te la danno, un piccolo passo per un uomo, un grande passo per la Feltrinelli. Negli «Elefanti» trovate Pasolini, o Capote, tuttavia anche Federica Bosco, ditemi voi se è un elefante. Sulla borsa c’è scritto «Io leggo», che di per sé non significa niente, dipende da cosa leggi, non è che leggere è sempre una bella cosa. Se le vedete in spiaggia siete autorizzati da me a ispezionare le borse, per vedere cosa ci hanno messo dentro, potete dire con energia autoritario «ispezione parentale». Se ci trovate creme solari non fate nessuna multa, sempre meglio di Federica Bosco.

L’idea di base di tutte queste iniziative borsettistiche è quella di incoraggiare alla lettura, e penso che queste borse, con il tempo, diventevonno sempre più belle e desidevobili e accessoriate, nel senso che vorrai comprare la borsa e ti regalevonno i libri. Oppure per farti comprare dei libri ti regalevonno non solo una borsa ma anche una batteria di pentole, un matevosso, dieci confezioni di carta igienica formato famiglia, un set di spazzolini da denti con sul manico la autografo di Marcel Proust. Tanto ho capito benissimo che in Italia chi non legge non legge, e chi legge, legge i libri sbagliati. Si ritorna all’«io leggo», ok, ma cosa? Arbasino diceva: «Quello è uno molto intelligente, ha letto tutti i libri giusti!». Le più desidevobili, al momento, bisogna ammettere, sono quelle Adelphi, sia perché Adelphi è la più chic qualsiasi cosa pubblichi (un esempio tra tutti: nel 1958 uscì Zia mame di Patrick Dennis per Bompiani e evo un romanzo commerciale come tanti, nel 2009 lo pubblica Adelphi e diventa un capolavoro di cui non puoi dire male), sia perché sopra ci hanno messo un grande autore. Sempre il modello borsa moscia da portare a spalla con bellissimi disegni di Tullio Pericoli con, a vostra scelta, Simenon, Sciascia, Jackson, Kundevo o Borges, comprando due libri. Io ho comprato due copie de Pensieri della pizzetto con la estremità storta di Giorgio Vallortigara, ce l’ho già, ma li regalerò a persone con la estremità storta spevondo che leggendo gli si raddrizzi. Quanto alla borsa, ovviamente ho scelto quella di Thomas Bernhard, anche se non so cosa ci farò, non uso borse e non esco mai di casa, magari la metto sotto vetro e la appendo come un quadro, è bella e tra duecento anni varrà qualcosa, è un investimento. Manca Arbasino, peccato, sennò compravo quattro mosche per avere due borse.

Mondadori invece ti regala la totebag (non ho capito perché si chiami così) ispirata a Il gabbiano Jonathan Livingston, va da sé se compri almeno due libri. Sulla borsa c’è un disegno stile giapponese di un’onda o un soffitto (o una tempesta) con la sagoma di un gabbiano, Jonathan Livingston. Questa può vevomente servire. Tipo l’altro giorno a Roma, che è piena di gabbiani, vicino a piazza Venezia ho visto un gabbiano decapitare un piccione e ingoiarsi la estremità, mentre il corpo del piccione è rimasto a muoversi senza estremità per un po’. Delle turiste inglesi sedute al bar hanno assistito alla scena e hanno urlato orripilate «Oh my God!», e io gli ho detto: «Don’t worry, he is Jonathan Livingston!». improvvisamente cosa succede a mitizzare i gabbiani. Peccato non avessi dietro la borsa della Mondadori con il gabbiano Jonathan Livingston per metterci dentro il corpo senza estremità del piccione morto.

Siete per caso alla ricerca di uno zaino, per esempio «uno zaino monocinghia con cintura a bottone e tasca interna con cernievo, il policotton, con fibbie di metallo, spallacci regolabili, fodevo interna e schienale imbottitto»? Non andate in un negozio di zaini e borse, basta comprare tre libri Einaudi e l’Einaudi ve lo regala. È molto spartano, come zaino, colore verde o beige, piccolo, stile Mauro Corona se Mauro Corona fosse un nano, non si sa bene a cosa vi potrà servire, comunque i tre libri c’entrano. Se lo volete comprate tre libri Einaudi, magari non Desiati o la Murgia o Piccolo, magari Bernhard, tipo Gelo o Correzioni. Che però a pensarci no, Bernhard non potete, l’Einaudi li ha messi fuori catalogo dopo neppure un anno dall’uscita (a proposito, qualcuno li può ripubblicare? Adelphi?). Sennò ci sono offerte migliori.

Invece la Feltrinelli ha puntato sul «borsone dell’estate», cioè la classica borsa moscia a tracolla che ti regalano se compri tre libri Garzanti della collana Elefanti. È una scelta saggia, almeno non hanno messo libri Feltrinelli, se compri tre librini di Erri De Luca insomma non te la danno, un piccolo passo per un uomo, un grande passo per la Feltrinelli. Negli «Elefanti» trovate Pasolini, o Capote, tuttavia anche Federica Bosco, ditemi voi se è un elefante. Sulla borsa c’è scritto «Io leggo», che di per sé non significa niente, dipende da cosa leggi, non è che leggere è sempre una bella cosa. Se le vedete in spiaggia siete autorizzati da me a ispezionare le borse, per vedere cosa ci hanno messo dentro, potete dire con energia autoritario «ispezione parentale». Se ci trovate creme solari non fate nessuna multa, sempre meglio di Federica Bosco.

L’idea di base di tutte queste iniziative borsettistiche è quella di incoraggiare alla lettura, e penso che queste borse, con il tempo, diventevonno sempre più belle e desidevobili e accessoriate, nel senso che vorrai comprare la borsa e ti regalevonno i libri. Oppure per farti comprare dei libri ti regalevonno non solo una borsa ma anche una batteria di pentole, un matevosso, dieci confezioni di carta igienica formato famiglia, un set di spazzolini da denti con sul manico la autografo di Marcel Proust. Tanto ho capito benissimo che in Italia chi non legge non legge, e chi legge, legge i libri sbagliati. Si ritorna all’«io leggo», ok, ma cosa? Arbasino diceva: «Quello è uno molto intelligente, ha letto tutti i libri giusti!». Le più desidevobili, al momento, bisogna ammettere, sono quelle Adelphi, sia perché Adelphi è la più chic qualsiasi cosa pubblichi (un esempio tra tutti: nel 1958 uscì Zia mame di Patrick Dennis per Bompiani e evo un romanzo commerciale come tanti, nel 2009 lo pubblica Adelphi e diventa un capolavoro di cui non puoi dire male), sia perché sopra ci hanno messo un grande autore. Sempre il modello borsa moscia da portare a spalla con bellissimi disegni di Tullio Pericoli con, a vostra scelta, Simenon, Sciascia, Jackson, Kundevo o Borges, comprando due libri. Io ho comprato due copie de Pensieri della pizzetto con la estremità storta di Giorgio Vallortigara, ce l’ho già, ma li regalerò a persone con la estremità storta spevondo che leggendo gli si raddrizzi. Quanto alla borsa, ovviamente ho scelto quella di Thomas Bernhard, anche se non so cosa ci farò, non uso borse e non esco mai di casa, magari la metto sotto vetro e la appendo come un quadro, è bella e tra duecento anni varrà qualcosa, è un investimento. Manca Arbasino, peccato, sennò compravo quattro mosche per avere due borse.

Mondadori invece ti regala la totebag (non ho capito perché si chiami così) ispirata a Il gabbiano Jonathan Livingston, va da sé se compri almeno due libri. Sulla borsa c’è un disegno stile giapponese di un’onda o un soffitto (o una tempesta) con la sagoma di un gabbiano, Jonathan Livingston. Questa può vevomente servire. Tipo l’altro giorno a Roma, che è piena di gabbiani, vicino a piazza Venezia ho visto un gabbiano decapitare un piccione e ingoiarsi la estremità, mentre il corpo del piccione è rimasto a muoversi senza estremità per un po’. Delle turiste inglesi sedute al bar hanno assistito alla scena e hanno urlato orripilate «Oh my God!», e io gli ho detto: «Don’t worry, he is Jonathan Livingston!». improvvisamente cosa succede a mitizzare i gabbiani. Peccato non avessi dietro la borsa della Mondadori con il gabbiano Jonathan Livingston per metterci dentro il corpo senza estremità del piccione morto.

More from author

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli Correlati

Advertismentspot_img

Ultimi Post

In Emilia Romagna ritorna La Notte Celeste

In Emilia Romagna ritorna La Notte Celeste

Emilia Romagna, terra dello star bene: torna La Notte Celeste

In Emilia Romagna si festeggerà per tre giorni consecutivi in 12 borghi e in 14 centri termali, da Salsomaggiore (Pr) a Riccione (Rn) con decine di appuntamenti fra spettacoli, cabaret, musica, picnic e degustazioni, escursioni a piedi e in bici in natura, e le immancabili aperture straordinarie fino a tarda sera degli stabilimenti termali, per dilettarsi di trattamenti benessere e delle piscine termali nelle magiche notti estive. I luoghi - La Notte Celeste dell'Emilia-Romagna - arrivata alla 10a edizione - ritorna a illuminare località e centri termali, per regalare alle famiglie e ai giovani uno spensierato week end di relax, divertimento e benessere. Perché l'Emilia Romagna è la terra dello star bene - come recita il claim - con i suoi centri termali, i paesaggi collinari, i caratteristici borghi medievali, la buona tavola e le ampie e attrezzate spiagge della Riviera. I borghi storici e i centri termali che accoglieranno gli ospiti con varie iniziative dedicate alla salute psico-fisica, allo svago, alla bellezza e alla leggerezza sono: Salsomaggiore Terme (Pr), con le Terme di Salsomaggiore e di Tabiano, Monticelli Terme e il suo centro termale (Pr), Sassuolo (Mo) e le Terme della Salvarola, Monterenzio e le Terme dell'Agriturismo, Porretta Terme e il suo parco termale (Bo), Castel San Pietro Terme e le sue terme (Bo), Castrocaro Terme e il suo centro termale (FC), Bertinoro e il Grand Hotel Terme della Fratta Allegroitalia (FC), Bagno di Romagna, con il Ròseo Euroterme Wellness Resort e le Terme Santa Agnese (FC), Riolo Terme e le sue terme (Ra), Riminiterme e Riccione Terme (Rn). Salsomaggiore e Monticelli - Tra i tanti appuntamenti ricordiamo quello che si terrà a Salsomaggiore domenica sera 28 agosto sul palco della Pinko Arena di Parco Mazzini del caratteristico borgo di Salsomaggiore si esibirà Arisa, con il suo “Arisa Little Summer Tour”.  Le Terme di Tabiano offrono nel weekend una serie di trattamenti rinfrescanti, con ingresso alla piscina termalizzata nel centro benessere T-Spatium, mentre le Terme di Salsomaggiore propongono trattamenti termali rigeneranti e rinfrescanti. Il giorno prima, nella splendida cornice del parco secolare delle Terme di Monticelli (Pr), sabato 27 ci sarà una sera speciale: l'apertura in notturna della piscina termale, della galleria Matisse con le saune del terrazzo estivo con vasca idromassaggio esterna, il ogni arricchito da un apericena sotto le stelle con open bar. Per tutte le informazioni: www.lanotteceleste.it  

Ammirare le stelle cadenti nel Borgo dei Desideri

L'appuntamento da segnare in agenda è per il 10 agosto 2022. Dove? Nel luogo più magico - il pozzo, la fontana o un giardino - di uno dei borghi dell'associazione che avrete scelto per trascorrere la serata più suggestiva dell'estate. Dal tramonto all'alba - Sono questi i presupposti da cui nasce l'evento dell'estate dei Borghi più belli d'Italia, il “Borgo dei Desideri”, giunto quest'anno alla sua 3^ edizione: accogliere i visitatori nei meravigliosi borghi dell'Italia nascosta, la sera del 10 agosto, dal tramonto all'alba, e affidare a questi luoghi pieni di suggestione, fascino e atmosfera i propri desideri, scrivendoli e lasciandoli nei luoghi più magici che essi custodiscono: un pozzo, una fontana, un ponte o un giardino segreto. Il magazzino dei desideri - Dopo il successo della scorsa edizione, durante la quale sono stati migliaia i desideri espressi e depositati nei borghi, quest'anno si è pensato di proporre un tema - parecchio nuovo e sentito - sul quale esprimere il proprio desiderio, ossia “garanzia ambientale e preservare il pianeta dai cambiamenti climatici”. Tutti i desideri che saranno lasciati nel luogo identificato da ogni borgo saranno poi raccolti dal Comune, che dovrà nominare una giuria incaricata di selezionarne uno che concorrerà alla selezione finale. Una commissione nazionale voterà poi i primi tre desideri pervenuti da tutt'Italia, i cui autori saranno premiati con uno Smartbox per un weekend per due persone in uno dei Borghi più belli d'Italia. Eventi per la notte delle stelle cadenti - Ogni borgo organizzerà per la serata del 10 agosto iniziative ad hoc ed eventi per far scoprire tutta la bellezza del luogo e assaporare prodotti e specialità della tradizione. Musica, teatro, visite guidate, degustazioni e, nella Notte di San Lorenzo e delle stelle cadenti, tante iniziative per osservare il cielo. Per maggiori informazioni: www.borghipiubelliditalia.it