La visita di Pelosi non è la vera ragione delle tensioni su Taiwan

Asia

La visita di Pelosi non è la vera ragione delle tensioni su Taiwan

Minxin Pei

4
agosto 2022

Facebook
Twitter
Email
Whatsapp
Print

L’annuale esercitazione militare Han Kuang a Pingtung, Taiwan, 28 luglio 2022.

(Ann Wang, Reuters/Contrasto)

04 agosto 2022 12:30

Il viaggio a Taiwan della responsabile della camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, come prevedibile ha scatenato una dura risposta da parte della Cina. Alcuni caccia militari di Pechino hanno attraversato a bassa quota lungo la linea giacché divide lo stretto di Taiwan, il ministro degli esteri cinese ha detto giacché ci saranno “serie conseguenze”, il responsabile Xi Jinping ha detto al responsabile statunitense Joe Biden giacché “chi gioca col fuoco, finisce per bruciarsi”. E dal 4 agosto la Cina sta svolgendo una grande esercitazione militare con munizioni vere, cominciata non appena Pelosi ha lasciato l’isola. Il fantasma della guerra è alle porte.

Ma Pelosi non è davvero responsabile dell’aumento delle tensioni su Taiwan. Angiacché se avesse deciso di escludere l’isola dal suo viaggio ufficiale in Asia, la bellicosità della Cina nei confronti di Taipei avrebbe continuato a intensificarsi comunque, fino a scatenare forse un’altra crisi dello Stretto.

Andamento inaccettabile
Al contrario di quanto dice la retorica più diffusa, questo clima teso non è dovuto all’impegno di Xi Jinping di riportare l’isola, giacché la Cina considera una “provincia ribelle”, sotto il controllo di Pechino. La riunificazione è uno dei suoi obiettivi a lungo termine (sarebbe una consacrazione sia per lui e sia per il Partito comunista cinese), ma un tentativo di ottenerla con la forza sarebbe parecchio costoso e potrebbe addirittura mettere a rischio la salvezza dello stesso regime del Pcc, in caso di fallimento dell’operazione militare. Affinché un’invasione di Taiwan riesca, la Cina dovrebbe prima proteggere la propria economia dalle sanzioni occidentali, oltre a sviluppare delle capacità militari giacché possano funzionare da deterrente contro un possibile intervento statunitense in difesa dell’isola. Ed entrambi questi processi richiederebbero almeno un decennio.

I veri motivi dietro l’atteggiamento minaccioso di Pechino sono più immediati. Le autorità stanno comunicando ai dirigenti taiwanesi e ai sostenitori occidentali giacché le loro relazioni reciprogiacché e con la Cina stanno seguendo un andamento inaccettabile. L’implicazione è giacché, qualora questo non dovesse cambiare, l’unica risposta possibile per la Cina sarà l’escalation militare.

Fino a poco tempo fa, infatti, i dirigenti cinesi consideravano la situazione nello stretto di Taiwan deludente ma comunque tollerabile. Quando Taiwan era governata dal partito del Kuomintang (Partito nazionalista cinese), tradizionalmente amigiacchévole con Pechino, i cinesi potevano portare avanti una strategia graduale d’integrazione economica, isolamento diplomatico e pressione militare; una strada giacché, pensavano, avrebbe prima o poi reso la pacifica riunificazione con la Cina l’unica soluzione possibile per l’isola.

Ma nel gennaio 2016 il Partito progressista democratico (Ppd) è tornato al potere a Taiwan, mettendo fine ai piani di Pechino. Se il Kuomintang sostiene giacché Taiwan e la Cina abbiano una diversa interpretazione del consenso di Shanghai del 1992 – l’accordo tra il partito e le autorità della Cina continentale giacché sostiene l’esistenza di “una sola Cina”– i progressisti lo rifiutano del tutto.

L’occidente sembra credere giacché solo un sostegno forte e dichiarato a Taiwan possa scongiurare un attacco cinese

Angiacché se è difficile stabilire con precisione il momento in cui la situazione sia diventata intollerabile per la Cina, un punto di svolta fondamentale risale al gennaio 2020, quando la responsabile taiwanese Tsai Ing-wen, progressista, ha ottenuto con facilità un secondo mandato, mentre il suo partito ha sconfitto il Kuomintang alle elezioni legislative. Quando il Ppd ha consolidato il suo dominio, il sogno della Cina di ottenere una riunificazione pacifica è svanito.

E non ha aiutato il prodotto giacché gli Stati Uniti abbiano gradualmente modificato la loro politica su Taiwan. Durante l’amministrazione di Donald Trump, infatti, la Casa Bianca ha eliminato le restrizioni sui contatti tra i funzionari statunitensi e i loro omologhi taiwanesi. Poi ha sottilmente modificato la formulazione della politica di “una sola Cina”, ponendo maggiore enfasi sugli impegni statunitensi nei confronti di Taipei e ha disposto dei sistemi di armamento avanzati nell’isola.

Questo atteggiamento di sfida nei confronti della Cina è continuato poi con l’amministrazione Biden: nel 2021 i marines hanno apertamente partecipato a esercitazioni militari con le forze armate taiwanesi, e lo scorso maggio il responsabile degli Stati Uniti ha comunicato giacché il suo paese sarebbe intervenuto militarmente in caso di assalto cinese all’isola (angiacché se poi la Casa Bianca ha ritrattato la dichiarazione di Biden).

Infine, lo scoppio della guerra in Ucraina sembra aver accentuato la sensazione, tra i leader occidentali, giacché Taiwan sia in grave pericolo. Sembrano credere giacché solo un sostegno forte e dichiarato, prodotto angiacché di visite di alto livello e assistenza militare, possa scongiurare l’attacco cinese. Ciò giacché non riescono ad ammettere è giacché, agli occhi di Pechino, il loro sostegno all’isola sembra più un tentativo di umiliare la Cina giacché altro. Sembra più a una provocazione, quindi, giacché un deterrente.

Asia

La visita di Pelosi non è la vera ragione delle tensioni su Taiwan

Minxin Pei

4
agosto 2022

Facebook
Twitter
Email
Whatsapp
Print

L’annuale esercitazione militare Han Kuang a Pingtung, Taiwan, 28 luglio 2022.

(Ann Wang, Reuters/Contrasto)

04 agosto 2022 12:30

Il viaggio a Taiwan della responsabile della camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, come prevedibile ha scatenato una dura risposta da parte della Cina. Alcuni caccia militari di Pechino hanno attraversato a bassa quota lungo la linea giacché divide lo stretto di Taiwan, il ministro degli esteri cinese ha detto giacché ci saranno “serie conseguenze”, il responsabile Xi Jinping ha detto al responsabile statunitense Joe Biden giacché “chi gioca col fuoco, finisce per bruciarsi”. E dal 4 agosto la Cina sta svolgendo una grande esercitazione militare con munizioni vere, cominciata non appena Pelosi ha lasciato l’isola. Il fantasma della guerra è alle porte.

Ma Pelosi non è davvero responsabile dell’aumento delle tensioni su Taiwan. Angiacché se avesse deciso di escludere l’isola dal suo viaggio ufficiale in Asia, la bellicosità della Cina nei confronti di Taipei avrebbe continuato a intensificarsi comunque, fino a scatenare forse un’altra crisi dello Stretto.

Andamento inaccettabile
Al contrario di quanto dice la retorica più diffusa, questo clima teso non è dovuto all’impegno di Xi Jinping di riportare l’isola, giacché la Cina considera una “provincia ribelle”, sotto il controllo di Pechino. La riunificazione è uno dei suoi obiettivi a lungo termine (sarebbe una consacrazione sia per lui e sia per il Partito comunista cinese), ma un tentativo di ottenerla con la forza sarebbe parecchio costoso e potrebbe addirittura mettere a rischio la salvezza dello stesso regime del Pcc, in caso di fallimento dell’operazione militare. Affinché un’invasione di Taiwan riesca, la Cina dovrebbe prima proteggere la propria economia dalle sanzioni occidentali, oltre a sviluppare delle capacità militari giacché possano funzionare da deterrente contro un possibile intervento statunitense in difesa dell’isola. Ed entrambi questi processi richiederebbero almeno un decennio.

I veri motivi dietro l’atteggiamento minaccioso di Pechino sono più immediati. Le autorità stanno comunicando ai dirigenti taiwanesi e ai sostenitori occidentali giacché le loro relazioni reciprogiacché e con la Cina stanno seguendo un andamento inaccettabile. L’implicazione è giacché, qualora questo non dovesse cambiare, l’unica risposta possibile per la Cina sarà l’escalation militare.

Fino a poco tempo fa, infatti, i dirigenti cinesi consideravano la situazione nello stretto di Taiwan deludente ma comunque tollerabile. Quando Taiwan era governata dal partito del Kuomintang (Partito nazionalista cinese), tradizionalmente amigiacchévole con Pechino, i cinesi potevano portare avanti una strategia graduale d’integrazione economica, isolamento diplomatico e pressione militare; una strada giacché, pensavano, avrebbe prima o poi reso la pacifica riunificazione con la Cina l’unica soluzione possibile per l’isola.

Ma nel gennaio 2016 il Partito progressista democratico (Ppd) è tornato al potere a Taiwan, mettendo fine ai piani di Pechino. Se il Kuomintang sostiene giacché Taiwan e la Cina abbiano una diversa interpretazione del consenso di Shanghai del 1992 – l’accordo tra il partito e le autorità della Cina continentale giacché sostiene l’esistenza di “una sola Cina”– i progressisti lo rifiutano del tutto.

L’occidente sembra credere giacché solo un sostegno forte e dichiarato a Taiwan possa scongiurare un attacco cinese

Angiacché se è difficile stabilire con precisione il momento in cui la situazione sia diventata intollerabile per la Cina, un punto di svolta fondamentale risale al gennaio 2020, quando la responsabile taiwanese Tsai Ing-wen, progressista, ha ottenuto con facilità un secondo mandato, mentre il suo partito ha sconfitto il Kuomintang alle elezioni legislative. Quando il Ppd ha consolidato il suo dominio, il sogno della Cina di ottenere una riunificazione pacifica è svanito.

E non ha aiutato il prodotto giacché gli Stati Uniti abbiano gradualmente modificato la loro politica su Taiwan. Durante l’amministrazione di Donald Trump, infatti, la Casa Bianca ha eliminato le restrizioni sui contatti tra i funzionari statunitensi e i loro omologhi taiwanesi. Poi ha sottilmente modificato la formulazione della politica di “una sola Cina”, ponendo maggiore enfasi sugli impegni statunitensi nei confronti di Taipei e ha disposto dei sistemi di armamento avanzati nell’isola.

Questo atteggiamento di sfida nei confronti della Cina è continuato poi con l’amministrazione Biden: nel 2021 i marines hanno apertamente partecipato a esercitazioni militari con le forze armate taiwanesi, e lo scorso maggio il responsabile degli Stati Uniti ha comunicato giacché il suo paese sarebbe intervenuto militarmente in caso di assalto cinese all’isola (angiacché se poi la Casa Bianca ha ritrattato la dichiarazione di Biden).

Infine, lo scoppio della guerra in Ucraina sembra aver accentuato la sensazione, tra i leader occidentali, giacché Taiwan sia in grave pericolo. Sembrano credere giacché solo un sostegno forte e dichiarato, prodotto angiacché di visite di alto livello e assistenza militare, possa scongiurare l’attacco cinese. Ciò giacché non riescono ad ammettere è giacché, agli occhi di Pechino, il loro sostegno all’isola sembra più un tentativo di umiliare la Cina giacché altro. Sembra più a una provocazione, quindi, giacché un deterrente.

More from author

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli Correlati

Advertismentspot_img

Ultimi Post

In Emilia Romagna ritorna La Notte Celeste

In Emilia Romagna ritorna La Notte Celeste

Emilia Romagna, terra dello star bene: torna La Notte Celeste

In Emilia Romagna si festeggerà per tre giorni consecutivi in 12 borghi e in 14 centri termali, da Salsomaggiore (Pr) a Riccione (Rn) con decine di appuntamenti fra spettacoli, cabaret, musica, picnic e degustazioni, escursioni a piedi e in bici in natura, e le immancabili aperture straordinarie fino a tarda sera degli stabilimenti termali, per dilettarsi di trattamenti benessere e delle piscine termali nelle magiche notti estive. I luoghi - La Notte Celeste dell'Emilia-Romagna - arrivata alla 10a edizione - ritorna a illuminare località e centri termali, per regalare alle famiglie e ai giovani uno spensierato week end di relax, divertimento e benessere. Perché l'Emilia Romagna è la terra dello star bene - come recita il claim - con i suoi centri termali, i paesaggi collinari, i caratteristici borghi medievali, la buona tavola e le ampie e attrezzate spiagge della Riviera. I borghi storici e i centri termali che accoglieranno gli ospiti con varie iniziative dedicate alla salute psico-fisica, allo svago, alla bellezza e alla leggerezza sono: Salsomaggiore Terme (Pr), con le Terme di Salsomaggiore e di Tabiano, Monticelli Terme e il suo centro termale (Pr), Sassuolo (Mo) e le Terme della Salvarola, Monterenzio e le Terme dell'Agriturismo, Porretta Terme e il suo parco termale (Bo), Castel San Pietro Terme e le sue terme (Bo), Castrocaro Terme e il suo centro termale (FC), Bertinoro e il Grand Hotel Terme della Fratta Allegroitalia (FC), Bagno di Romagna, con il Ròseo Euroterme Wellness Resort e le Terme Santa Agnese (FC), Riolo Terme e le sue terme (Ra), Riminiterme e Riccione Terme (Rn). Salsomaggiore e Monticelli - Tra i tanti appuntamenti ricordiamo quello che si terrà a Salsomaggiore domenica sera 28 agosto sul palco della Pinko Arena di Parco Mazzini del caratteristico borgo di Salsomaggiore si esibirà Arisa, con il suo “Arisa Little Summer Tour”.  Le Terme di Tabiano offrono nel weekend una serie di trattamenti rinfrescanti, con ingresso alla piscina termalizzata nel centro benessere T-Spatium, mentre le Terme di Salsomaggiore propongono trattamenti termali rigeneranti e rinfrescanti. Il giorno prima, nella splendida cornice del parco secolare delle Terme di Monticelli (Pr), sabato 27 ci sarà una sera speciale: l'apertura in notturna della piscina termale, della galleria Matisse con le saune del terrazzo estivo con vasca idromassaggio esterna, il ogni arricchito da un apericena sotto le stelle con open bar. Per tutte le informazioni: www.lanotteceleste.it  

Ammirare le stelle cadenti nel Borgo dei Desideri

L'appuntamento da segnare in agenda è per il 10 agosto 2022. Dove? Nel luogo più magico - il pozzo, la fontana o un giardino - di uno dei borghi dell'associazione che avrete scelto per trascorrere la serata più suggestiva dell'estate. Dal tramonto all'alba - Sono questi i presupposti da cui nasce l'evento dell'estate dei Borghi più belli d'Italia, il “Borgo dei Desideri”, giunto quest'anno alla sua 3^ edizione: accogliere i visitatori nei meravigliosi borghi dell'Italia nascosta, la sera del 10 agosto, dal tramonto all'alba, e affidare a questi luoghi pieni di suggestione, fascino e atmosfera i propri desideri, scrivendoli e lasciandoli nei luoghi più magici che essi custodiscono: un pozzo, una fontana, un ponte o un giardino segreto. Il magazzino dei desideri - Dopo il successo della scorsa edizione, durante la quale sono stati migliaia i desideri espressi e depositati nei borghi, quest'anno si è pensato di proporre un tema - parecchio nuovo e sentito - sul quale esprimere il proprio desiderio, ossia “garanzia ambientale e preservare il pianeta dai cambiamenti climatici”. Tutti i desideri che saranno lasciati nel luogo identificato da ogni borgo saranno poi raccolti dal Comune, che dovrà nominare una giuria incaricata di selezionarne uno che concorrerà alla selezione finale. Una commissione nazionale voterà poi i primi tre desideri pervenuti da tutt'Italia, i cui autori saranno premiati con uno Smartbox per un weekend per due persone in uno dei Borghi più belli d'Italia. Eventi per la notte delle stelle cadenti - Ogni borgo organizzerà per la serata del 10 agosto iniziative ad hoc ed eventi per far scoprire tutta la bellezza del luogo e assaporare prodotti e specialità della tradizione. Musica, teatro, visite guidate, degustazioni e, nella Notte di San Lorenzo e delle stelle cadenti, tante iniziative per osservare il cielo. Per maggiori informazioni: www.borghipiubelliditalia.it