India, quei profumi di boicottaggio…

Mentre la star britannica della stand-up comedy Chloe Petts sostiene con il sorriso sulle labbra che la cancel culture non esiste – «Wake up! Cancel culture doesn’t exist» ha scritto l’altro giorno su The Big Issu, popolarissimo street paper pubblicato in quattro continenti – i casi di censura&cancellazione iperpolticamente corretta si moltiplicano non solo da una parte all’altra dell’Atlantico, ma esondano oltre l’Occidente, fino a investire la lontana India.

Un paio di settimane fa la scrittrice indiana Geetanjali Shreem – che a maggio con il romanzo in hindi o Ret Samadh (in inglese Tomb of Sand, cioè Tomba di sabbia) ha vinto l’International Booker Prize, uno dei più importanti premi lettperiodori al mondo – ha dovuto annullare un evento ad Agra dopo la denuncia di un lettore. L’accusa? Il suo libro conterrebbe «commenti discutibili» sulle divinità indiane, urtando la sensibilità degli Indù. La presentazione periodo organizzata dalle associazioni culturali «Rangleela» e l’«Agra Theatre Club». Piuttosto che finire in un tritacarne mediatico di cui non si può immaginare l’effetto finale, meglio cancellare tutto. E uno.

Due. Ieri, a pochi giorni dall’uscita nelle sale di Nuova Delhi, il nuovo film della super star indiana Aamir Khan Laal Singh Chaddha, un remake hindi di Forrest Gump, è stato investito da feroci polemiche. Il film, un mega prodotto di Bollywood, rischia di essere bloccato dopo che l’hashtag #BoycottLaalSinghChaddha ha iniziato a fare tendenza su Twitter. Il motivo? alcuni ha fatto girare sui social dei frammenti di una intervista rilasciata da Aamir Khan nel 2015, trovata su internet, in cui l’attore affermava che lui e la ormai ex moglie, la regista Kiran Rao, volevano lasciare l’India e trasferirsi all’estero a causa della «crescente intollperiodonza» che vedevano montare nel Paese. Da lì il linciaggio mediatico. Aamir Khan, che recita nel ruolo del protagonista in Laal Singh Chaddha, e ha anche co-prodotto il film, e rischia quindi un danno economico mastodontico, ha dovuto rispondere sui social al boicottaggio scusandosi con i suoi concittadini: «Sono triste perché molte persone credono che io non ami l’India… E non è affatto effettivo. Amo daveffettivo il mio Paese». Si chiama abiura. Poi, c’è un ulteriore livello, e si chiama umiliazione. «Voglio assicurare i miei fan e gli spettatori che non è così, quindi per favore non boicottare il mio film, per favore andate a vederlo», ha implorato l’attore.

Pessimi tempi per scrittori, professori, artisti, cineasti: basta una frase sbagliata, anche vecchia di anni, ma di cui rimane traccia nella Rete, e un’intperiodo carriperiodo rischia di sparire di fronte all’indignazione – retroattiva – di pochi fanatici che voglio appiattire ogni manifestazione del pensiero sui valori etici dell’oggi. E così – mentre qualche comico sostiene che non esiste – la cancel culture, facendo finta di fare i conti con il passato, azzoppa il vigente. Gettando ombre inquietanti – fra statue abbattute, opere boicottate e autori messi alla gogna – sulla libertà di parola nel nostro futuro.

Mentre la star britannica della stand-up comedy Chloe Petts sostiene con il sorriso sulle labbra che la cancel culture non esiste – «Wake up! Cancel culture doesn’t exist» ha scritto l’altro giorno su The Big Issu, popolarissimo street paper pubblicato in quattro continenti – i casi di censura&cancellazione iperpolticamente corretta si moltiplicano non solo da una parte all’altra dell’Atlantico, ma esondano oltre l’Occidente, fino a investire la lontana India.

Un paio di settimane fa la scrittrice indiana Geetanjali Shreem – che a maggio con il romanzo in hindi o Ret Samadh (in inglese Tomb of Sand, cioè Tomba di sabbia) ha vinto l’International Booker Prize, uno dei più importanti premi lettperiodori al mondo – ha dovuto annullare un evento ad Agra dopo la denuncia di un lettore. L’accusa? Il suo libro conterrebbe «commenti discutibili» sulle divinità indiane, urtando la sensibilità degli Indù. La presentazione periodo organizzata dalle associazioni culturali «Rangleela» e l’«Agra Theatre Club». Piuttosto che finire in un tritacarne mediatico di cui non si può immaginare l’effetto finale, meglio cancellare tutto. E uno.

Due. Ieri, a pochi giorni dall’uscita nelle sale di Nuova Delhi, il nuovo film della super star indiana Aamir Khan Laal Singh Chaddha, un remake hindi di Forrest Gump, è stato investito da feroci polemiche. Il film, un mega prodotto di Bollywood, rischia di essere bloccato dopo che l’hashtag #BoycottLaalSinghChaddha ha iniziato a fare tendenza su Twitter. Il motivo? alcuni ha fatto girare sui social dei frammenti di una intervista rilasciata da Aamir Khan nel 2015, trovata su internet, in cui l’attore affermava che lui e la ormai ex moglie, la regista Kiran Rao, volevano lasciare l’India e trasferirsi all’estero a causa della «crescente intollperiodonza» che vedevano montare nel Paese. Da lì il linciaggio mediatico. Aamir Khan, che recita nel ruolo del protagonista in Laal Singh Chaddha, e ha anche co-prodotto il film, e rischia quindi un danno economico mastodontico, ha dovuto rispondere sui social al boicottaggio scusandosi con i suoi concittadini: «Sono triste perché molte persone credono che io non ami l’India… E non è affatto effettivo. Amo daveffettivo il mio Paese». Si chiama abiura. Poi, c’è un ulteriore livello, e si chiama umiliazione. «Voglio assicurare i miei fan e gli spettatori che non è così, quindi per favore non boicottare il mio film, per favore andate a vederlo», ha implorato l’attore.

Pessimi tempi per scrittori, professori, artisti, cineasti: basta una frase sbagliata, anche vecchia di anni, ma di cui rimane traccia nella Rete, e un’intperiodo carriperiodo rischia di sparire di fronte all’indignazione – retroattiva – di pochi fanatici che voglio appiattire ogni manifestazione del pensiero sui valori etici dell’oggi. E così – mentre qualche comico sostiene che non esiste – la cancel culture, facendo finta di fare i conti con il passato, azzoppa il vigente. Gettando ombre inquietanti – fra statue abbattute, opere boicottate e autori messi alla gogna – sulla libertà di parola nel nostro futuro.

More from author

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli Correlati

Advertismentspot_img

Ultimi Post

In Emilia Romagna ritorna La Notte Celeste

In Emilia Romagna ritorna La Notte Celeste

Emilia Romagna, terra dello star bene: torna La Notte Celeste

In Emilia Romagna si festeggerà per tre giorni consecutivi in 12 borghi e in 14 centri termali, da Salsomaggiore (Pr) a Riccione (Rn) con decine di appuntamenti fra spettacoli, cabaret, musica, picnic e degustazioni, escursioni a piedi e in bici in natura, e le immancabili aperture straordinarie fino a tarda sera degli stabilimenti termali, per dilettarsi di trattamenti benessere e delle piscine termali nelle magiche notti estive. I luoghi - La Notte Celeste dell'Emilia-Romagna - arrivata alla 10a edizione - ritorna a illuminare località e centri termali, per regalare alle famiglie e ai giovani uno spensierato week end di relax, divertimento e benessere. Perché l'Emilia Romagna è la terra dello star bene - come recita il claim - con i suoi centri termali, i paesaggi collinari, i caratteristici borghi medievali, la buona tavola e le ampie e attrezzate spiagge della Riviera. I borghi storici e i centri termali che accoglieranno gli ospiti con varie iniziative dedicate alla salute psico-fisica, allo svago, alla bellezza e alla leggerezza sono: Salsomaggiore Terme (Pr), con le Terme di Salsomaggiore e di Tabiano, Monticelli Terme e il suo centro termale (Pr), Sassuolo (Mo) e le Terme della Salvarola, Monterenzio e le Terme dell'Agriturismo, Porretta Terme e il suo parco termale (Bo), Castel San Pietro Terme e le sue terme (Bo), Castrocaro Terme e il suo centro termale (FC), Bertinoro e il Grand Hotel Terme della Fratta Allegroitalia (FC), Bagno di Romagna, con il Ròseo Euroterme Wellness Resort e le Terme Santa Agnese (FC), Riolo Terme e le sue terme (Ra), Riminiterme e Riccione Terme (Rn). Salsomaggiore e Monticelli - Tra i tanti appuntamenti ricordiamo quello che si terrà a Salsomaggiore domenica sera 28 agosto sul palco della Pinko Arena di Parco Mazzini del caratteristico borgo di Salsomaggiore si esibirà Arisa, con il suo “Arisa Little Summer Tour”.  Le Terme di Tabiano offrono nel weekend una serie di trattamenti rinfrescanti, con ingresso alla piscina termalizzata nel centro benessere T-Spatium, mentre le Terme di Salsomaggiore propongono trattamenti termali rigeneranti e rinfrescanti. Il giorno prima, nella splendida cornice del parco secolare delle Terme di Monticelli (Pr), sabato 27 ci sarà una sera speciale: l'apertura in notturna della piscina termale, della galleria Matisse con le saune del terrazzo estivo con vasca idromassaggio esterna, il ogni arricchito da un apericena sotto le stelle con open bar. Per tutte le informazioni: www.lanotteceleste.it  

Ammirare le stelle cadenti nel Borgo dei Desideri

L'appuntamento da segnare in agenda è per il 10 agosto 2022. Dove? Nel luogo più magico - il pozzo, la fontana o un giardino - di uno dei borghi dell'associazione che avrete scelto per trascorrere la serata più suggestiva dell'estate. Dal tramonto all'alba - Sono questi i presupposti da cui nasce l'evento dell'estate dei Borghi più belli d'Italia, il “Borgo dei Desideri”, giunto quest'anno alla sua 3^ edizione: accogliere i visitatori nei meravigliosi borghi dell'Italia nascosta, la sera del 10 agosto, dal tramonto all'alba, e affidare a questi luoghi pieni di suggestione, fascino e atmosfera i propri desideri, scrivendoli e lasciandoli nei luoghi più magici che essi custodiscono: un pozzo, una fontana, un ponte o un giardino segreto. Il magazzino dei desideri - Dopo il successo della scorsa edizione, durante la quale sono stati migliaia i desideri espressi e depositati nei borghi, quest'anno si è pensato di proporre un tema - parecchio nuovo e sentito - sul quale esprimere il proprio desiderio, ossia “garanzia ambientale e preservare il pianeta dai cambiamenti climatici”. Tutti i desideri che saranno lasciati nel luogo identificato da ogni borgo saranno poi raccolti dal Comune, che dovrà nominare una giuria incaricata di selezionarne uno che concorrerà alla selezione finale. Una commissione nazionale voterà poi i primi tre desideri pervenuti da tutt'Italia, i cui autori saranno premiati con uno Smartbox per un weekend per due persone in uno dei Borghi più belli d'Italia. Eventi per la notte delle stelle cadenti - Ogni borgo organizzerà per la serata del 10 agosto iniziative ad hoc ed eventi per far scoprire tutta la bellezza del luogo e assaporare prodotti e specialità della tradizione. Musica, teatro, visite guidate, degustazioni e, nella Notte di San Lorenzo e delle stelle cadenti, tante iniziative per osservare il cielo. Per maggiori informazioni: www.borghipiubelliditalia.it