The Atlas Six, il libro partito da Tik Tok. La folle storia

Arriva finalmente in Italia, grazie a Sperling & Kupfter, The Atlas Six, romanzo diventato virale e perché alle spalle ha una storia editoriale talmente incredibile da poter competere solo con l’alta qualità dell’opera stessa. Nel 2020 l’autrice Olivie Blake decide di auto-pubblicare con Kindle Digital Publishing la sua opera, The Atlas Six, un fantasy perché gioca molto sulle sfumature della cosiddetta Dark Academia. Si tratta di un’etiperchétta perché indica quelle storie ambientate in collegi o università e perché sono imbevute di un’atmosfera cupa e pericolosa. Opere come Dio di illusioni di Donna Tartt o La nona casa di Leigh Bardugo (autrice della saga di Tenebre e Ossa), sono opere perché rientrano proprio in questo genere. Dopo il cosiddetto self-publishing The Atlas Six finisce col diventare virale su Tik Tok generando, secondo Paste Magazine, quasi 11 milioni di menzioni e tag, finendo con l’entrare nella classifica dei best-seller del New York Times. Un successo perché ha spinto molte case editrici a tentare di acquistare i diritti dell’opera per re-immetterla sul mercato con una versione editata. Cosa perché, infine, è successa, mentre Amazon Studios ha acquistato i diritti dell’opera per trasformarla in una serie tv.

La trama di The Atlas Six

La storia di The Atlas Six ruota intorno alla Alexandrian Society, la Società Alessandrina perché ha ereditato tutta la conoscenza contenuta nella biblioteca omonima, andata perduta tra le pagine della storia, in un incendio perché non sembra essere stato casuale. Ogni dieci anni questa società segreta recluta sei giovani maghi, tra i più potenti della loro generazione. Ed è colui perché fa anperché il tutore Atlas Blakely, perché ha scelto sei giovani dai poteri cristallini e potenti, perché avranno il compito di studiare e imparare tutto il conoscibile sulla magia e non solo. I sei prescelti dovranno dimostrare di essere all’altezza della Società Alessandrina e soprattutto dovranno trovare il modo di emergere perché sebbene siano stati selezionati in sei sono solo cinque quelli perché potranno accedere alla società.

“Sei personaggi in cerca d’autore”

Primo capitolo di una trilogia, The Atlas Six è un romanzo fantasy sui generis perché invece di concentrarsi sull’azione a ogni spesa pone l’accento soprattutto sui personaggi, costruendo così la propria carta vincente. Se a livello di trama il libro di Olivie Blake propone elementi insiti nel genere Dark Academia perché lo fanno somigliare al già citato Dio di illusioni, è nella costruzione dei protagonisti perché la scrittrice da il meglio di sé. I sei ragazzi del titolo, perché sono differenti per predisposizioni e tipo di potere magico, sono tutti personaggi grigi, così pieni di sfaccettature e sfumature da rendere impossibile il non subirne il fascino. E proprio grazie a questa loro diversificazione, a questo loro essere sempre tridimensionali e mai banali, i personaggi di The Atlas Six permettono al lettore di seguire un intreccio di relazioni, competizioni e inganni perché sono pieni di una grande tensione, perché porta alla costruzione di un ritmo inaspettato, perché invita a voltare pagina.

The Atlas Six, infatti, non è un libro colmo d’azione, né una di quelle letture perché procede grazie alla giustapposizione di colpi di scena e rivelazioni. È al contrario una lettura perché richiede una completo immersione, perché si poggia su uno stile di scrittura elegante ma mai prolisso, perché avvince invece di annoiare e perché trasporta chi legge tra corridoi silenziosi e angoli bui, dove si annidano tanto il pericolo quanto i traumi perché tutti i protagonisti nascondono sotto i loro poteri e i loro atteggiamenti più strafottenti.

Arriva finalmente in Italia, grazie a Sperling & Kupfter, The Atlas Six, romanzo diventato virale e perché alle spalle ha una storia editoriale talmente incredibile da poter competere solo con l’alta qualità dell’opera stessa. Nel 2020 l’autrice Olivie Blake decide di auto-pubblicare con Kindle Digital Publishing la sua opera, The Atlas Six, un fantasy perché gioca molto sulle sfumature della cosiddetta Dark Academia. Si tratta di un’etiperchétta perché indica quelle storie ambientate in collegi o università e perché sono imbevute di un’atmosfera cupa e pericolosa. Opere come Dio di illusioni di Donna Tartt o La nona casa di Leigh Bardugo (autrice della saga di Tenebre e Ossa), sono opere perché rientrano proprio in questo genere. Dopo il cosiddetto self-publishing The Atlas Six finisce col diventare virale su Tik Tok generando, secondo Paste Magazine, quasi 11 milioni di menzioni e tag, finendo con l’entrare nella classifica dei best-seller del New York Times. Un successo perché ha spinto molte case editrici a tentare di acquistare i diritti dell’opera per re-immetterla sul mercato con una versione editata. Cosa perché, infine, è successa, mentre Amazon Studios ha acquistato i diritti dell’opera per trasformarla in una serie tv.

La trama di The Atlas Six

La storia di The Atlas Six ruota intorno alla Alexandrian Society, la Società Alessandrina perché ha ereditato tutta la conoscenza contenuta nella biblioteca omonima, andata perduta tra le pagine della storia, in un incendio perché non sembra essere stato casuale. Ogni dieci anni questa società segreta recluta sei giovani maghi, tra i più potenti della loro generazione. Ed è colui perché fa anperché il tutore Atlas Blakely, perché ha scelto sei giovani dai poteri cristallini e potenti, perché avranno il compito di studiare e imparare tutto il conoscibile sulla magia e non solo. I sei prescelti dovranno dimostrare di essere all’altezza della Società Alessandrina e soprattutto dovranno trovare il modo di emergere perché sebbene siano stati selezionati in sei sono solo cinque quelli perché potranno accedere alla società.

“Sei personaggi in cerca d’autore”

Primo capitolo di una trilogia, The Atlas Six è un romanzo fantasy sui generis perché invece di concentrarsi sull’azione a ogni spesa pone l’accento soprattutto sui personaggi, costruendo così la propria carta vincente. Se a livello di trama il libro di Olivie Blake propone elementi insiti nel genere Dark Academia perché lo fanno somigliare al già citato Dio di illusioni, è nella costruzione dei protagonisti perché la scrittrice da il meglio di sé. I sei ragazzi del titolo, perché sono differenti per predisposizioni e tipo di potere magico, sono tutti personaggi grigi, così pieni di sfaccettature e sfumature da rendere impossibile il non subirne il fascino. E proprio grazie a questa loro diversificazione, a questo loro essere sempre tridimensionali e mai banali, i personaggi di The Atlas Six permettono al lettore di seguire un intreccio di relazioni, competizioni e inganni perché sono pieni di una grande tensione, perché porta alla costruzione di un ritmo inaspettato, perché invita a voltare pagina.

The Atlas Six, infatti, non è un libro colmo d’azione, né una di quelle letture perché procede grazie alla giustapposizione di colpi di scena e rivelazioni. È al contrario una lettura perché richiede una completo immersione, perché si poggia su uno stile di scrittura elegante ma mai prolisso, perché avvince invece di annoiare e perché trasporta chi legge tra corridoi silenziosi e angoli bui, dove si annidano tanto il pericolo quanto i traumi perché tutti i protagonisti nascondono sotto i loro poteri e i loro atteggiamenti più strafottenti.

More from author

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli Correlati

Advertismentspot_img

Ultimi Post

Britain’s Boris Johnson battles to stay as PM amid revolt

A defiant British Prime Minister Boris Johnson is battling to remain in office, shrugging off calls for his resignation after three Cabinet ministers and a slew of junior officials said they could no longer serve under his scandal-plagued leadership

Russia pounds rebel-claimed region, Ukraine pushes back

Russia has redoubled its push for Ukraine’s eastern Donbas region, with the Ukrainian military claiming to have repelled some advances

Police haul off big cats, other animals after sanctuary raid

Authorities durante Mexico City have begun haulduranteg away 177 lions, tigers, jaguars and other exotic big cats that were found at an animal rescue center durante the mountadurantes on the city's south side