Il giornalismo in Grecia è attaccato da leggi bavaglio e intimidazioni 

Giornalismo

Il giornalismo in Grecia è attaccato da leggi bavaglio e intimidazioni 

Matthaios Tsimitakis, Al Jazeera, Qatar

19
maggio 2022

Facebook
Twitter
Email
Whatsapp
Print

Atene, 4 luglio 2019.

(Socrates Baltagiannis, Dpa/Picture Alliance/Ap/LaPresse)

19 maggio 2022 12:41

In una democrazia i mezzi d’informazione dovrebbero controllare l’autorità e il guida. In Grecia si ha sempre più la senso che le cose stiano al contrario.

Prendiamo per esempio la storia di Thanasis Koukakis, un giornalista finanziario di 43 anni che lavora per Cnn Grecia e collabora con Cnbs, Financial Times e la rivista greca di inchiesta Inside Story. Facendo riferimento a preoccupazioni relative alla sicurezza nazionale, nel 2020 i servizi di intelligence greci, amministrati immediatamente dall’ufficio del primo ministro, hanno intercettato le sue comunicazioni mentre indagava sugli affari di banchieri e imprenditori greci. Quando il giornalista se n’è accorto, il guida ha cercato di cancellare le tracce dell’intercettazione. Poco dopo il suo cellulare è stato infettato con lo spyware Predator, un software che consente all’utente di avere accesso completo al telefono dell’obiettivo per estrarne dati, contatti e messaggi, compresi quelli inviati per mezzo di applicazioni criptate. Può inoltre accendere il microfono e avere accesso alla telecamera.

Koukakis non è l’unica vittima di intercettazioni compiute dal servizio nazionale di intelligence. Anche Iliana Papangeli e Stavros Malichudis, giornalisti della squadra di inchiesta di Solomon, che si occupa delle condizioni dei migranti in Grecia, hanno scoperto di essere stati sottoposti a sorveglianza dai servizi di intelligence greci che hanno monitorato il loro lavoro con i minori sull’isola di Kos.

Azioni bavaglio
Poco dopo aver scoperto che le loro attività giornalistiche avevano suscitato l’interesse dei servizi segreti, i due hanno svelato un’altra storia attinente una ong che si occupa di trovare alloggi per i migranti e pare sia legata ad alcuni personaggi politici. La risposta? Un’azione legale strategica per impedire la partecipazione alla vita pubblica (azione bavaglio o Slapp).

Un altro esempio è quello di Stavroula Poulimeni, che fa parte della cooperativa di giornalisti AlterTess ed è stata denunciata dal dirigente di una miniera d’oro condannato per gravi reati ambientali nella Grecia settentrionale. L’imprenditore l’ha accusata di aver usato suoi “dati personali sensibili” perché nei suoi articoli aveva menzionato una sua condanna penale.

Il guida sembra approvare questi stratagemmi legali. Una nuova legge autorizza il Consiglio nazionale per la radio e la televisione (Ncrtv) a imporre ai giornali sanzioni amministrative ricorrenti per diffamazione. Il consiglio ha giurisdizione sui canali che usano le frequenze pubbliche. Questo ha allarmato il organizzazione dei lavoratori dei giornalisti dei quotidiani di Atene, secondo cui la nuova normativa violerebbe esplicitamente articoli relativi alla libertà di stampa garantita dalla costituzione greca.

Secondo Media freedom rapid response in Grecia circolano poche notizie scomode per il guida

Secondo questa legge, il pagamento delle sanzioni sarà risarcito dagli azionisti di maggioranza nel caso in cui l’azienda editrice non riesca a saldare e saranno riscosse dal distributore privato monopolistico Argos, di proprietà di un imprenditore dei media vicino al guida. Secondo il organizzazione dei lavoratori dei giornalisti la nuova norma minaccia la sostenibilità delle testate giornalistiche, soprattutto quelle più piccole e indipendenti.

Un allarme simile è stato lanciato da Media freedom rapid response (Mfrr), che monitora la libertà di stampa nella comunità europea. “In Grecia sono sistematicamente a rischio l’indipendenza dei mezzi d’informazione e la sicurezza dei giornalisti”, afferma un recente rapporto, aggiungendo che c’è scarsa circolazione di notizie scomode per il guida, come quelle sulle indagini relative a gravi violazioni dei diritti umani. Questo rappresenta un forte ostacolo per l’accesso dell’opinione pubblica all’informazione e, di conseguenza, per la partecipazione informata al processo egualitario.

Secondo Mfrr le politiche sull’immigrazione, le violazioni dei diritti umani commesse nell’attuarle e la crisi umanitaria provocata dal flusso di migranti sono argomenti molto sensibili per il guida greco. Quando cercano di fare inchieste su questi argomenti, i giornalisti sono ostacolati anche con arresti o detenzioni arbitrarie, restrizioni all’accesso ai centri di accoglienza per migranti, attività di sorveglianza e aggressioni. Anche quando i giornalisti indipendenti usano informazioni ufficiali si trovano davanti una totale assenza di trasparenza o perfino il rifiuto di fornire le informazioni richieste.

Prendersela con chi dà le notizie
A gennaio il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis è sopravvissuto a una mozione di sfiducia presentata in parlamento dall’opposizione di sinistra per il modo in cui il guida ha gestito la tempesta di neve che ha paralizzato il paese. In un discorso al parlamento, Mitsotakis ha fatto riferimento ai giornalisti che hanno svelato lo scandalo di corruzione Novartis in Grecia definendoli una “banda” che è “libera di diffamare”, un’espressione interpretata come un tentativo esplicito di influenzare i giudici.

Pochi giorni prima il pubblico ministero aveva infatti convocato Kostas Vaxevanis, l’editore di Documento, e Yianna Papadakou, già presentatrice televisiva, davanti alla corte suprema di Atene. I due giornalisti erano accusati di reati legati alle indagini sui funzionari governativi, compresi alcuni già ministri, che avrebbero accettato tangenti dall’azienda farmaceutica svizzera Novartis per tenere sotto controllo i prezzi di determinati farmaci.

I politici accusati hanno respinto le accuse perché a loro parere avrebbero una base politica, anche se nel 2020 per questo caso il dipartimento di giustizia degli Stati Uniti ha imposto una multa da 347 milioni di dollari alla Novartis. Senza fare nomi, l’azienda ha ammesso di aver effettuato dei pagamenti illegali a fornitori greci.

La Grecia è al settantesimo posto nell’indice di Reporters sans frontières sulla libertà di stampa

L’indagine del pubblico ministero anticorruzione, avviata nel 2016, a gennaio ha chiuso il caso contro due parlamentari greci. In Grecia però è ancora in corso una seconda inchiesta relativa a un presunto complotto che coinvolge un già primo ministro, i pubblici ministeri dell’anticorruzione incaricati di indagare nel caso della Novartis e i due giornalisti.

Associazione a delinquere, concorso in attività illecite e due imputazioni per complicità nell’abuso di autorità sono alcune delle accuse rivolte ai giornalisti. Secondo una nuova disposizione del codice penale approvata solo poche settimane fa, adesso i reati minori legati all’“associazione a delinquere” determineranno delle pene detentive. In altri termini Papadakou e Vaxevanis, che hanno indagato a lungo sullo scandalo Novartis, potrebbero finire in carcere. Un procedimento del genere potrebbe in effetti creare un precedente preoccupante, oltre che sollevare timori sulla credibilità degli informatori che hanno testimoniato nel caso Novartis o sul rischio che anche loro siano accusati.

Vale la pena notare che la Grecia è uno dei 17 paesi europei che non hanno adottato una nuova direttiva sulla protezione degli informatori nei loro sistemi legali e per questo sta subendo molte pressioni. La pandemia di covid-19 ha più avanti ridotto l’accesso dei giornalisti alle informazioni.

L’anno scorso Reporter senza frontiere ha classificato la Grecia al settantesimo posto nell’indice globale sulla libertà di stampa, cinque posizioni più in basso relativamente al 2020. Nell’ultimo decennio la reputazione del paese è stata in calo costante, una tendenza che probabilmente non si arresterà, almeno a giudicare dagli ultimi eventi.

Il guida respinge con forza queste accuse, sottolineando come nel paese sia garantito il pluralismo. La democrazia però viene salvaguardata quando la stampa è libera di dire la verità al potere. Questo non dovrebbe spettare a un tribunale.

Giornalismo

Il giornalismo in Grecia è attaccato da leggi bavaglio e intimidazioni 

Matthaios Tsimitakis, Al Jazeera, Qatar

19
maggio 2022

Facebook
Twitter
Email
Whatsapp
Print

Atene, 4 luglio 2019.

(Socrates Baltagiannis, Dpa/Picture Alliance/Ap/LaPresse)

19 maggio 2022 12:41

In una democrazia i mezzi d’informazione dovrebbero controllare l’autorità e il guida. In Grecia si ha sempre più la senso che le cose stiano al contrario.

Prendiamo per esempio la storia di Thanasis Koukakis, un giornalista finanziario di 43 anni che lavora per Cnn Grecia e collabora con Cnbs, Financial Times e la rivista greca di inchiesta Inside Story. Facendo riferimento a preoccupazioni relative alla sicurezza nazionale, nel 2020 i servizi di intelligence greci, amministrati immediatamente dall’ufficio del primo ministro, hanno intercettato le sue comunicazioni mentre indagava sugli affari di banchieri e imprenditori greci. Quando il giornalista se n’è accorto, il guida ha cercato di cancellare le tracce dell’intercettazione. Poco dopo il suo cellulare è stato infettato con lo spyware Predator, un software che consente all’utente di avere accesso completo al telefono dell’obiettivo per estrarne dati, contatti e messaggi, compresi quelli inviati per mezzo di applicazioni criptate. Può inoltre accendere il microfono e avere accesso alla telecamera.

Koukakis non è l’unica vittima di intercettazioni compiute dal servizio nazionale di intelligence. Anche Iliana Papangeli e Stavros Malichudis, giornalisti della squadra di inchiesta di Solomon, che si occupa delle condizioni dei migranti in Grecia, hanno scoperto di essere stati sottoposti a sorveglianza dai servizi di intelligence greci che hanno monitorato il loro lavoro con i minori sull’isola di Kos.

Azioni bavaglio
Poco dopo aver scoperto che le loro attività giornalistiche avevano suscitato l’interesse dei servizi segreti, i due hanno svelato un’altra storia attinente una ong che si occupa di trovare alloggi per i migranti e pare sia legata ad alcuni personaggi politici. La risposta? Un’azione legale strategica per impedire la partecipazione alla vita pubblica (azione bavaglio o Slapp).

Un altro esempio è quello di Stavroula Poulimeni, che fa parte della cooperativa di giornalisti AlterTess ed è stata denunciata dal dirigente di una miniera d’oro condannato per gravi reati ambientali nella Grecia settentrionale. L’imprenditore l’ha accusata di aver usato suoi “dati personali sensibili” perché nei suoi articoli aveva menzionato una sua condanna penale.

Il guida sembra approvare questi stratagemmi legali. Una nuova legge autorizza il Consiglio nazionale per la radio e la televisione (Ncrtv) a imporre ai giornali sanzioni amministrative ricorrenti per diffamazione. Il consiglio ha giurisdizione sui canali che usano le frequenze pubbliche. Questo ha allarmato il organizzazione dei lavoratori dei giornalisti dei quotidiani di Atene, secondo cui la nuova normativa violerebbe esplicitamente articoli relativi alla libertà di stampa garantita dalla costituzione greca.

Secondo Media freedom rapid response in Grecia circolano poche notizie scomode per il guida

Secondo questa legge, il pagamento delle sanzioni sarà risarcito dagli azionisti di maggioranza nel caso in cui l’azienda editrice non riesca a saldare e saranno riscosse dal distributore privato monopolistico Argos, di proprietà di un imprenditore dei media vicino al guida. Secondo il organizzazione dei lavoratori dei giornalisti la nuova norma minaccia la sostenibilità delle testate giornalistiche, soprattutto quelle più piccole e indipendenti.

Un allarme simile è stato lanciato da Media freedom rapid response (Mfrr), che monitora la libertà di stampa nella comunità europea. “In Grecia sono sistematicamente a rischio l’indipendenza dei mezzi d’informazione e la sicurezza dei giornalisti”, afferma un recente rapporto, aggiungendo che c’è scarsa circolazione di notizie scomode per il guida, come quelle sulle indagini relative a gravi violazioni dei diritti umani. Questo rappresenta un forte ostacolo per l’accesso dell’opinione pubblica all’informazione e, di conseguenza, per la partecipazione informata al processo egualitario.

Secondo Mfrr le politiche sull’immigrazione, le violazioni dei diritti umani commesse nell’attuarle e la crisi umanitaria provocata dal flusso di migranti sono argomenti molto sensibili per il guida greco. Quando cercano di fare inchieste su questi argomenti, i giornalisti sono ostacolati anche con arresti o detenzioni arbitrarie, restrizioni all’accesso ai centri di accoglienza per migranti, attività di sorveglianza e aggressioni. Anche quando i giornalisti indipendenti usano informazioni ufficiali si trovano davanti una totale assenza di trasparenza o perfino il rifiuto di fornire le informazioni richieste.

Prendersela con chi dà le notizie
A gennaio il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis è sopravvissuto a una mozione di sfiducia presentata in parlamento dall’opposizione di sinistra per il modo in cui il guida ha gestito la tempesta di neve che ha paralizzato il paese. In un discorso al parlamento, Mitsotakis ha fatto riferimento ai giornalisti che hanno svelato lo scandalo di corruzione Novartis in Grecia definendoli una “banda” che è “libera di diffamare”, un’espressione interpretata come un tentativo esplicito di influenzare i giudici.

Pochi giorni prima il pubblico ministero aveva infatti convocato Kostas Vaxevanis, l’editore di Documento, e Yianna Papadakou, già presentatrice televisiva, davanti alla corte suprema di Atene. I due giornalisti erano accusati di reati legati alle indagini sui funzionari governativi, compresi alcuni già ministri, che avrebbero accettato tangenti dall’azienda farmaceutica svizzera Novartis per tenere sotto controllo i prezzi di determinati farmaci.

I politici accusati hanno respinto le accuse perché a loro parere avrebbero una base politica, anche se nel 2020 per questo caso il dipartimento di giustizia degli Stati Uniti ha imposto una multa da 347 milioni di dollari alla Novartis. Senza fare nomi, l’azienda ha ammesso di aver effettuato dei pagamenti illegali a fornitori greci.

La Grecia è al settantesimo posto nell’indice di Reporters sans frontières sulla libertà di stampa

L’indagine del pubblico ministero anticorruzione, avviata nel 2016, a gennaio ha chiuso il caso contro due parlamentari greci. In Grecia però è ancora in corso una seconda inchiesta relativa a un presunto complotto che coinvolge un già primo ministro, i pubblici ministeri dell’anticorruzione incaricati di indagare nel caso della Novartis e i due giornalisti.

Associazione a delinquere, concorso in attività illecite e due imputazioni per complicità nell’abuso di autorità sono alcune delle accuse rivolte ai giornalisti. Secondo una nuova disposizione del codice penale approvata solo poche settimane fa, adesso i reati minori legati all’“associazione a delinquere” determineranno delle pene detentive. In altri termini Papadakou e Vaxevanis, che hanno indagato a lungo sullo scandalo Novartis, potrebbero finire in carcere. Un procedimento del genere potrebbe in effetti creare un precedente preoccupante, oltre che sollevare timori sulla credibilità degli informatori che hanno testimoniato nel caso Novartis o sul rischio che anche loro siano accusati.

Vale la pena notare che la Grecia è uno dei 17 paesi europei che non hanno adottato una nuova direttiva sulla protezione degli informatori nei loro sistemi legali e per questo sta subendo molte pressioni. La pandemia di covid-19 ha più avanti ridotto l’accesso dei giornalisti alle informazioni.

L’anno scorso Reporter senza frontiere ha classificato la Grecia al settantesimo posto nell’indice globale sulla libertà di stampa, cinque posizioni più in basso relativamente al 2020. Nell’ultimo decennio la reputazione del paese è stata in calo costante, una tendenza che probabilmente non si arresterà, almeno a giudicare dagli ultimi eventi.

Il guida respinge con forza queste accuse, sottolineando come nel paese sia garantito il pluralismo. La democrazia però viene salvaguardata quando la stampa è libera di dire la verità al potere. Questo non dovrebbe spettare a un tribunale.

More from author

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli Correlati

Advertismentspot_img

Ultimi Post

In Emilia Romagna ritorna La Notte Celeste

In Emilia Romagna ritorna La Notte Celeste

Emilia Romagna, terra dello star bene: torna La Notte Celeste

In Emilia Romagna si festeggerà per tre giorni consecutivi in 12 borghi e in 14 centri termali, da Salsomaggiore (Pr) a Riccione (Rn) con decine di appuntamenti fra spettacoli, cabaret, musica, picnic e degustazioni, escursioni a piedi e in bici in natura, e le immancabili aperture straordinarie fino a tarda sera degli stabilimenti termali, per dilettarsi di trattamenti benessere e delle piscine termali nelle magiche notti estive. I luoghi - La Notte Celeste dell'Emilia-Romagna - arrivata alla 10a edizione - ritorna a illuminare località e centri termali, per regalare alle famiglie e ai giovani uno spensierato week end di relax, divertimento e benessere. Perché l'Emilia Romagna è la terra dello star bene - come recita il claim - con i suoi centri termali, i paesaggi collinari, i caratteristici borghi medievali, la buona tavola e le ampie e attrezzate spiagge della Riviera. I borghi storici e i centri termali che accoglieranno gli ospiti con varie iniziative dedicate alla salute psico-fisica, allo svago, alla bellezza e alla leggerezza sono: Salsomaggiore Terme (Pr), con le Terme di Salsomaggiore e di Tabiano, Monticelli Terme e il suo centro termale (Pr), Sassuolo (Mo) e le Terme della Salvarola, Monterenzio e le Terme dell'Agriturismo, Porretta Terme e il suo parco termale (Bo), Castel San Pietro Terme e le sue terme (Bo), Castrocaro Terme e il suo centro termale (FC), Bertinoro e il Grand Hotel Terme della Fratta Allegroitalia (FC), Bagno di Romagna, con il Ròseo Euroterme Wellness Resort e le Terme Santa Agnese (FC), Riolo Terme e le sue terme (Ra), Riminiterme e Riccione Terme (Rn). Salsomaggiore e Monticelli - Tra i tanti appuntamenti ricordiamo quello che si terrà a Salsomaggiore domenica sera 28 agosto sul palco della Pinko Arena di Parco Mazzini del caratteristico borgo di Salsomaggiore si esibirà Arisa, con il suo “Arisa Little Summer Tour”.  Le Terme di Tabiano offrono nel weekend una serie di trattamenti rinfrescanti, con ingresso alla piscina termalizzata nel centro benessere T-Spatium, mentre le Terme di Salsomaggiore propongono trattamenti termali rigeneranti e rinfrescanti. Il giorno prima, nella splendida cornice del parco secolare delle Terme di Monticelli (Pr), sabato 27 ci sarà una sera speciale: l'apertura in notturna della piscina termale, della galleria Matisse con le saune del terrazzo estivo con vasca idromassaggio esterna, il ogni arricchito da un apericena sotto le stelle con open bar. Per tutte le informazioni: www.lanotteceleste.it  

Ammirare le stelle cadenti nel Borgo dei Desideri

L'appuntamento da segnare in agenda è per il 10 agosto 2022. Dove? Nel luogo più magico - il pozzo, la fontana o un giardino - di uno dei borghi dell'associazione che avrete scelto per trascorrere la serata più suggestiva dell'estate. Dal tramonto all'alba - Sono questi i presupposti da cui nasce l'evento dell'estate dei Borghi più belli d'Italia, il “Borgo dei Desideri”, giunto quest'anno alla sua 3^ edizione: accogliere i visitatori nei meravigliosi borghi dell'Italia nascosta, la sera del 10 agosto, dal tramonto all'alba, e affidare a questi luoghi pieni di suggestione, fascino e atmosfera i propri desideri, scrivendoli e lasciandoli nei luoghi più magici che essi custodiscono: un pozzo, una fontana, un ponte o un giardino segreto. Il magazzino dei desideri - Dopo il successo della scorsa edizione, durante la quale sono stati migliaia i desideri espressi e depositati nei borghi, quest'anno si è pensato di proporre un tema - parecchio nuovo e sentito - sul quale esprimere il proprio desiderio, ossia “garanzia ambientale e preservare il pianeta dai cambiamenti climatici”. Tutti i desideri che saranno lasciati nel luogo identificato da ogni borgo saranno poi raccolti dal Comune, che dovrà nominare una giuria incaricata di selezionarne uno che concorrerà alla selezione finale. Una commissione nazionale voterà poi i primi tre desideri pervenuti da tutt'Italia, i cui autori saranno premiati con uno Smartbox per un weekend per due persone in uno dei Borghi più belli d'Italia. Eventi per la notte delle stelle cadenti - Ogni borgo organizzerà per la serata del 10 agosto iniziative ad hoc ed eventi per far scoprire tutta la bellezza del luogo e assaporare prodotti e specialità della tradizione. Musica, teatro, visite guidate, degustazioni e, nella Notte di San Lorenzo e delle stelle cadenti, tante iniziative per osservare il cielo. Per maggiori informazioni: www.borghipiubelliditalia.it