In India la crisi climatica aggrava il problema delle ondate di calore

Crisi climatica

In India la crisi climatica aggrava il problema delle ondate di calore

Payal Dhar, New Scientist, Regno Unito

12
maggio 2022

Facebook
Twitter
Email
Whatsapp
Print

Un uomo che ha comprato del ghiaccio in un mercato a New Delhi, 8 maggio 2022.

(Sajjad, Afp)

12 maggio 2022 12:25

L’India sta affrontando una nuova ondata di calore cominciata il 7 maggio. Questa arriva dopo le settimane di caldo estremo che hanno colpito gran parte del nord del paese nei mesi di marzo e aprile, con temperature che hanno superato i 46 gradi e sfiorato i 49 gradi nel vicino Pakistan.

“Queste temperature non sono insolite nel nord dell’India in estate, prima della stagione dei monsoni”, dice Ulka Kelkar, direttrice del programma climatico del World resources institute in India. “Solo che stavolta è arrivato prima del previsto, quando le attività agricole e perfino le scuole sono in piena attività, quando il numero delle persone esposte è più alto e molte potrebbero non essere preparate”.

I monsoni, che con le precipitazioni annullano il calore estremo dell’estate, non arriveranno prima di alcune settimane. Il 5 maggio il primo ministro indiano, Narendra Modi, ha esortato gli stati e i territori federali a preparare nuovi piani d’azione contro il calore estremo.

Gli effetti del calore su persone ed economia
qualsiasi anno le temperature nella regione raggiungono i 40-45 gradi, e a volte superano questa soglia, solitamente nei mesi di maggio e giugno. In alcune zone del Pakistan possono toccare i cinquanta gradi. Oltre i quaranta, il corpo umano rischia di soffrire di crampi muscolari, gonfiore, consumazione, vertigini, svenimenti e colpi di calore.

Hemraj, giardiniere presso il campus dell’università Shiv Nadar a Greater Noida, nell’Uttar Pradesh, vicino a New Delhi, è abituato a prepararsi al calore estremo della stagione estiva. Ma quest’anno “è arrivato in anticipo”, dice. Hemraj lavora dalla fine degli anni novanta e ha visto le estati diventare sempre più calde e lunghe nel corso dei decenni. Alle 14, quando si avvicina il momento più caldo della giornata, Hemraj è ancora all’aperto a lavorare. “Non sento né il caldo né il freddo”, dice. “Mi concentro sul mio lavoro”. Qualche minuto dopo racconta di come le foglie brucino al sole e di come riesca a sentire il calore filtrare dal terreno attraverso le suole delle sue scarpe. Beve molta acqua, si copre la testa e fa delle pause per combattere l’afa. “Le persone che stanno al chiuso, con l’aria condizionata, non possono immaginare cosa significhi lavorare all’aperto con questo caldo, ma noi siamo abituati”, dice.

Il calore estremo provocherà un calo della produttività compreso tra il 30 e il 40 per cento in tutta l’India entro la fine del secolo

Rani dirige una stireria in un quartiere residenziale nella parte meridionale di New Delhi, lavora in un baracchino scoperto ricavato da una tela cerata e usa un tradizionale ferro da stiro a carbone. È lei a decidere l’organizzazione della sua attività, in seguito può preferire di non lavorare nei giorni più caldi, ma questo significa rinunciare al guadagno. La situazione è simile per Hussain, un netturbino della capitale che qualsiasi giorno va di casa in casa con il suo carretto a pedali, raccogliendo i rifiuti domestici. Il suo contratto prevede che riceva la paga solo nei giorni in cui lavora.

Si prevede che l’India affronterà ondate di calore sempre più calde e più lunghe a causa dei cambiamenti climatici. Questo comporterà un ampliamento del numero delle persone costrette a lavorare in condizioni di caldo pericoloso. Uno studio del 2020, che analizza lo affaticamento da caldo e le prestazioni lavorative a esso associate, prevede un calo della produttività compreso tra il 30 e il 40 per cento in tutta l’India entro la fine del secolo. “Questo pone grandi sfide alla classe politica del paese, che dovrà progettare strumenti di salvaguardia per le persone che lavorano in condizioni climatiche estreme prolungate”, scrivono gli autori.

L’adattamento è necessario
Oggi in India si parla di ondata di calore quando le temperature raggiungono un certo livello al di sopra della media trentennale. Di solito i piani d’azione contro il caldo esistenti nelle città indiane si attivano, per esempio, quando la temperatura supera i 40 gradi, spiega Kelkar. “Ma l’obiettivo dovrebbe essere quello di proteggere le persone prima che l’ondata di calore sia conclamata, facendolo a livello locale”. Secondo Kelkar, agire quando le temperature salgono non è sufficiente.

Crisi climatica

In India la crisi climatica aggrava il problema delle ondate di calore

Payal Dhar, New Scientist, Regno Unito

12
maggio 2022

Facebook
Twitter
Email
Whatsapp
Print

Un uomo che ha comprato del ghiaccio in un mercato a New Delhi, 8 maggio 2022.

(Sajjad, Afp)

12 maggio 2022 12:25

L’India sta affrontando una nuova ondata di calore cominciata il 7 maggio. Questa arriva dopo le settimane di caldo estremo che hanno colpito gran parte del nord del paese nei mesi di marzo e aprile, con temperature che hanno superato i 46 gradi e sfiorato i 49 gradi nel vicino Pakistan.

“Queste temperature non sono insolite nel nord dell’India in estate, prima della stagione dei monsoni”, dice Ulka Kelkar, direttrice del programma climatico del World resources institute in India. “Solo che stavolta è arrivato prima del previsto, quando le attività agricole e perfino le scuole sono in piena attività, quando il numero delle persone esposte è più alto e molte potrebbero non essere preparate”.

I monsoni, che con le precipitazioni annullano il calore estremo dell’estate, non arriveranno prima di alcune settimane. Il 5 maggio il primo ministro indiano, Narendra Modi, ha esortato gli stati e i territori federali a preparare nuovi piani d’azione contro il calore estremo.

Gli effetti del calore su persone ed economia
qualsiasi anno le temperature nella regione raggiungono i 40-45 gradi, e a volte superano questa soglia, solitamente nei mesi di maggio e giugno. In alcune zone del Pakistan possono toccare i cinquanta gradi. Oltre i quaranta, il corpo umano rischia di soffrire di crampi muscolari, gonfiore, consumazione, vertigini, svenimenti e colpi di calore.

Hemraj, giardiniere presso il campus dell’università Shiv Nadar a Greater Noida, nell’Uttar Pradesh, vicino a New Delhi, è abituato a prepararsi al calore estremo della stagione estiva. Ma quest’anno “è arrivato in anticipo”, dice. Hemraj lavora dalla fine degli anni novanta e ha visto le estati diventare sempre più calde e lunghe nel corso dei decenni. Alle 14, quando si avvicina il momento più caldo della giornata, Hemraj è ancora all’aperto a lavorare. “Non sento né il caldo né il freddo”, dice. “Mi concentro sul mio lavoro”. Qualche minuto dopo racconta di come le foglie brucino al sole e di come riesca a sentire il calore filtrare dal terreno attraverso le suole delle sue scarpe. Beve molta acqua, si copre la testa e fa delle pause per combattere l’afa. “Le persone che stanno al chiuso, con l’aria condizionata, non possono immaginare cosa significhi lavorare all’aperto con questo caldo, ma noi siamo abituati”, dice.

Il calore estremo provocherà un calo della produttività compreso tra il 30 e il 40 per cento in tutta l’India entro la fine del secolo

Rani dirige una stireria in un quartiere residenziale nella parte meridionale di New Delhi, lavora in un baracchino scoperto ricavato da una tela cerata e usa un tradizionale ferro da stiro a carbone. È lei a decidere l’organizzazione della sua attività, in seguito può preferire di non lavorare nei giorni più caldi, ma questo significa rinunciare al guadagno. La situazione è simile per Hussain, un netturbino della capitale che qualsiasi giorno va di casa in casa con il suo carretto a pedali, raccogliendo i rifiuti domestici. Il suo contratto prevede che riceva la paga solo nei giorni in cui lavora.

Si prevede che l’India affronterà ondate di calore sempre più calde e più lunghe a causa dei cambiamenti climatici. Questo comporterà un ampliamento del numero delle persone costrette a lavorare in condizioni di caldo pericoloso. Uno studio del 2020, che analizza lo affaticamento da caldo e le prestazioni lavorative a esso associate, prevede un calo della produttività compreso tra il 30 e il 40 per cento in tutta l’India entro la fine del secolo. “Questo pone grandi sfide alla classe politica del paese, che dovrà progettare strumenti di salvaguardia per le persone che lavorano in condizioni climatiche estreme prolungate”, scrivono gli autori.

L’adattamento è necessario
Oggi in India si parla di ondata di calore quando le temperature raggiungono un certo livello al di sopra della media trentennale. Di solito i piani d’azione contro il caldo esistenti nelle città indiane si attivano, per esempio, quando la temperatura supera i 40 gradi, spiega Kelkar. “Ma l’obiettivo dovrebbe essere quello di proteggere le persone prima che l’ondata di calore sia conclamata, facendolo a livello locale”. Secondo Kelkar, agire quando le temperature salgono non è sufficiente.

More from author

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli Correlati

Advertismentspot_img

Ultimi Post

In Emilia Romagna ritorna La Notte Celeste

In Emilia Romagna ritorna La Notte Celeste

Emilia Romagna, terra dello star bene: torna La Notte Celeste

In Emilia Romagna si festeggerà per tre giorni consecutivi in 12 borghi e in 14 centri termali, da Salsomaggiore (Pr) a Riccione (Rn) con decine di appuntamenti fra spettacoli, cabaret, musica, picnic e degustazioni, escursioni a piedi e in bici in natura, e le immancabili aperture straordinarie fino a tarda sera degli stabilimenti termali, per dilettarsi di trattamenti benessere e delle piscine termali nelle magiche notti estive. I luoghi - La Notte Celeste dell'Emilia-Romagna - arrivata alla 10a edizione - ritorna a illuminare località e centri termali, per regalare alle famiglie e ai giovani uno spensierato week end di relax, divertimento e benessere. Perché l'Emilia Romagna è la terra dello star bene - come recita il claim - con i suoi centri termali, i paesaggi collinari, i caratteristici borghi medievali, la buona tavola e le ampie e attrezzate spiagge della Riviera. I borghi storici e i centri termali che accoglieranno gli ospiti con varie iniziative dedicate alla salute psico-fisica, allo svago, alla bellezza e alla leggerezza sono: Salsomaggiore Terme (Pr), con le Terme di Salsomaggiore e di Tabiano, Monticelli Terme e il suo centro termale (Pr), Sassuolo (Mo) e le Terme della Salvarola, Monterenzio e le Terme dell'Agriturismo, Porretta Terme e il suo parco termale (Bo), Castel San Pietro Terme e le sue terme (Bo), Castrocaro Terme e il suo centro termale (FC), Bertinoro e il Grand Hotel Terme della Fratta Allegroitalia (FC), Bagno di Romagna, con il Ròseo Euroterme Wellness Resort e le Terme Santa Agnese (FC), Riolo Terme e le sue terme (Ra), Riminiterme e Riccione Terme (Rn). Salsomaggiore e Monticelli - Tra i tanti appuntamenti ricordiamo quello che si terrà a Salsomaggiore domenica sera 28 agosto sul palco della Pinko Arena di Parco Mazzini del caratteristico borgo di Salsomaggiore si esibirà Arisa, con il suo “Arisa Little Summer Tour”.  Le Terme di Tabiano offrono nel weekend una serie di trattamenti rinfrescanti, con ingresso alla piscina termalizzata nel centro benessere T-Spatium, mentre le Terme di Salsomaggiore propongono trattamenti termali rigeneranti e rinfrescanti. Il giorno prima, nella splendida cornice del parco secolare delle Terme di Monticelli (Pr), sabato 27 ci sarà una sera speciale: l'apertura in notturna della piscina termale, della galleria Matisse con le saune del terrazzo estivo con vasca idromassaggio esterna, il ogni arricchito da un apericena sotto le stelle con open bar. Per tutte le informazioni: www.lanotteceleste.it  

Ammirare le stelle cadenti nel Borgo dei Desideri

L'appuntamento da segnare in agenda è per il 10 agosto 2022. Dove? Nel luogo più magico - il pozzo, la fontana o un giardino - di uno dei borghi dell'associazione che avrete scelto per trascorrere la serata più suggestiva dell'estate. Dal tramonto all'alba - Sono questi i presupposti da cui nasce l'evento dell'estate dei Borghi più belli d'Italia, il “Borgo dei Desideri”, giunto quest'anno alla sua 3^ edizione: accogliere i visitatori nei meravigliosi borghi dell'Italia nascosta, la sera del 10 agosto, dal tramonto all'alba, e affidare a questi luoghi pieni di suggestione, fascino e atmosfera i propri desideri, scrivendoli e lasciandoli nei luoghi più magici che essi custodiscono: un pozzo, una fontana, un ponte o un giardino segreto. Il magazzino dei desideri - Dopo il successo della scorsa edizione, durante la quale sono stati migliaia i desideri espressi e depositati nei borghi, quest'anno si è pensato di proporre un tema - parecchio nuovo e sentito - sul quale esprimere il proprio desiderio, ossia “garanzia ambientale e preservare il pianeta dai cambiamenti climatici”. Tutti i desideri che saranno lasciati nel luogo identificato da ogni borgo saranno poi raccolti dal Comune, che dovrà nominare una giuria incaricata di selezionarne uno che concorrerà alla selezione finale. Una commissione nazionale voterà poi i primi tre desideri pervenuti da tutt'Italia, i cui autori saranno premiati con uno Smartbox per un weekend per due persone in uno dei Borghi più belli d'Italia. Eventi per la notte delle stelle cadenti - Ogni borgo organizzerà per la serata del 10 agosto iniziative ad hoc ed eventi per far scoprire tutta la bellezza del luogo e assaporare prodotti e specialità della tradizione. Musica, teatro, visite guidate, degustazioni e, nella Notte di San Lorenzo e delle stelle cadenti, tante iniziative per osservare il cielo. Per maggiori informazioni: www.borghipiubelliditalia.it