L’ex pubblico ministero dell’ICC sollecita un mandato d’arresto globale per Putin

L’ex procuratore capo della Corte penale internazionale ha chiesto l’emissione di un mandato di cattura internazionale nei confronti del presidente russo Vladimir Putin

A cura dell’Associated Press

2 aprile 2022, 13:34

• 2 minuti di lettura

Condividi su FacebookCondividi su TwitterInvia questo articolo tramite e-mail

GINEVRA – L’ex procuratore capo della Corte penale internazionale ha chiesto l’emissione di un mandato di cattura internazionale nei confronti del presidente russo Vladimir Putin.

“Putin è un criminale di guerra”, ha detto Carla Del Ponte al quotidiano svizzero Le Temps in un’intervista pubblicata sabato.

Ha detto di essere stata particolarmente scioccata dall’uso delle fosse comuni nella guerra della Russia contro l’Ucraina, che ricorda la peggiore delle guerre nell’ex Jugoslavia.

“Speravo di non rivedere mai più le fosse comuni”, ha detto al quotidiano Blick. “Questi morti hanno persone care che non sanno nemmeno cosa ne è stato di loro. Questo è inaccettabile”.

Altri crimini di guerra che ha identificato in Ucraina includevano attacchi a civili, la distruzione di edifici civili e persino la demolizione di intere città.

Ha detto che l’indagine in Ucraina sarebbe stata più facile di quella in Jugoslavia perché il paese stesso aveva richiesto un’indagine internazionale. L’attuale procuratore capo della CPI, Karim Khan, ha visitato l’Ucraina il mese scorso.

Se la CPI trova prove di crimini di guerra, ha detto, “devi risalire la catena di comando fino a raggiungere coloro che hanno preso le decisioni”.

Ha detto che sarebbe possibile rendere conto anche di Putin.

“Non devi lasciarti andare, continua con le indagini. Quando sono iniziate le indagini su Slobodan Milosevic, era ancora presidente della Serbia. Chi avrebbe pensato allora che un giorno sarebbe stato giudicato? Nessuno”, ha detto a Blick.

Del Ponte ha aggiunto che dovrebbero essere svolte indagini su possibili crimini di guerra commessi da entrambe le parti, indicando anche le notizie sulla presunta tortura di alcuni prigionieri di guerra russi da parte delle forze ucraine.

———

Segui tutte le storie di AP sulla guerra in Ucraina su https://apnews.com/hub/russia-war.

.

L’ex procuratore capo della Corte penale internazionale ha chiesto l’emissione di un mandato di cattura internazionale nei confronti del presidente russo Vladimir Putin

A cura dell’Associated Press

2 aprile 2022, 13:34

• 2 minuti di lettura

Condividi su FacebookCondividi su TwitterInvia questo articolo tramite e-mail

GINEVRA – L’ex procuratore capo della Corte penale internazionale ha chiesto l’emissione di un mandato di cattura internazionale nei confronti del presidente russo Vladimir Putin.

“Putin è un criminale di guerra”, ha detto Carla Del Ponte al quotidiano svizzero Le Temps in un’intervista pubblicata sabato.

Ha detto di essere stata particolarmente scioccata dall’uso delle fosse comuni nella guerra della Russia contro l’Ucraina, che ricorda la peggiore delle guerre nell’ex Jugoslavia.

“Speravo di non rivedere mai più le fosse comuni”, ha detto al quotidiano Blick. “Questi morti hanno persone care che non sanno nemmeno cosa ne è stato di loro. Questo è inaccettabile”.

Altri crimini di guerra che ha identificato in Ucraina includevano attacchi a civili, la distruzione di edifici civili e persino la demolizione di intere città.

Ha detto che l’indagine in Ucraina sarebbe stata più facile di quella in Jugoslavia perché il paese stesso aveva richiesto un’indagine internazionale. L’attuale procuratore capo della CPI, Karim Khan, ha visitato l’Ucraina il mese scorso.

Se la CPI trova prove di crimini di guerra, ha detto, “devi risalire la catena di comando fino a raggiungere coloro che hanno preso le decisioni”.

Ha detto che sarebbe possibile rendere conto anche di Putin.

“Non devi lasciarti andare, continua con le indagini. Quando sono iniziate le indagini su Slobodan Milosevic, era ancora presidente della Serbia. Chi avrebbe pensato allora che un giorno sarebbe stato giudicato? Nessuno”, ha detto a Blick.

Del Ponte ha aggiunto che dovrebbero essere svolte indagini su possibili crimini di guerra commessi da entrambe le parti, indicando anche le notizie sulla presunta tortura di alcuni prigionieri di guerra russi da parte delle forze ucraine.

———

Segui tutte le storie di AP sulla guerra in Ucraina su https://apnews.com/hub/russia-war.

.

More from author

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli Correlati

Advertismentspot_img

Ultimi Post

Delek to develop Cypriot gas field without Israel’s consent

Delek Group's NewMed Energy has taken Israel's Energy Ministry by surprise by unilaterally announcing plans for the disputed Aphrodite field.

Marcos Jr proclaimed next Philippine president with huge win

Ferdinand Marcos Jr. has been proclaimed the next president of the Philippines by a joint session of Congress following a landslide electoral triumph 36 years after his dictator father was ousted in a pro-democracy uprising

Delek profit jumps as energy prices soar

The company reported a net profit of NIS 2.5 billion, a nine-fold increase over the corresponding quarter of last year.