L’attacco aereo russo intensifica l’offensiva nell’Ucraina occidentale

LVIV, Ucraina – Domenica i missili russi hanno colpito una base militare nell’Ucraina occidentale, uccidendo 35 persone in un attacco a una struttura che fungeva da hub cruciale per la cooperazione tra l’Ucraina e i paesi della NATO a sostegno della sua difesa. Lo sbarramento ha segnato un’escalation dell’offensiva di Mosca e ha spostato i combattimenti pericolosamente vicino al confine polacco.

L’attacco così vicino a un paese membro della NATO ha sollevato la possibilità che l’alleanza potesse essere coinvolta nella lotta, ed è stato carico di simbolismo in un conflitto che ha rianimato le vecchie rivalità della Guerra Fredda e ha minacciato di riscrivere l’attuale ordine di sicurezza globale.

Più di 30 missili da crociera russi hanno preso di mira la struttura tentacolare di Yavoriv, ​​che è stata a lungo utilizzata per addestrare soldati ucraini, spesso con istruttori degli Stati Uniti e di altri paesi dell’alleanza occidentale. La Polonia è anche una via di transito per gli aiuti militari occidentali all’Ucraina e gli attacchi hanno seguito le minacce di Mosca di prendere di mira quelle spedizioni.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy lo ha definito un “giorno nero” e ha nuovamente esortato i leader della NATO a stabilire una no-fly zone sul paese, un appello che l’Occidente ha affermato potrebbe portare la guerra a uno scontro nucleare.

“Se non chiudete il nostro cielo, è solo questione di tempo prima che i missili russi cadano sul vostro territorio. territorio della NATO. Sulle case dei cittadini dei paesi della NATO”, ha detto Zelenskyy.

Oltre alle vittime, il ministero della Difesa ucraino ha affermato che 134 persone sono rimaste ferite nell’attacco.

Ina Padi, un’ucraina di 40 anni che ha attraversato il confine con la sua famiglia, si stava rifugiando in una caserma dei pompieri a Wielkie Oczy, in Polonia, quando è stata svegliata domenica mattina da esplosioni che hanno fatto tremare i vetri delle finestre.

“Ho capito in quel momento, anche se ne siamo liberi, (la guerra) ci sta ancora inseguendo”, ha detto.

Dalla loro invasione più di due settimane fa, le forze russe hanno lottato nella loro avanzata attraverso l’Ucraina, di fronte a una resistenza più dura del previsto, sostenute dal supporto delle armi occidentali. Invece, le forze russe hanno assediato diverse città e le hanno prese a pugni con attacchi, colpendo due dozzine di strutture mediche e provocando una serie di crisi umanitarie.

L’ONU ha registrato almeno 596 morti tra i civili, anche se ritiene che il bilancio reale sia molto più alto e l’ufficio del procuratore generale ucraino ha affermato che tra questi ci sono almeno 85 bambini. Anche un regista e giornalista americano è stato ucciso domenica. Milioni di persone in più sono fuggite dalle loro case nel più grande conflitto terrestre in Europa dalla seconda guerra mondiale.

I colloqui per un ampio cessate il fuoco sono finora falliti, ma il portavoce del Cremlino ha detto che un altro round avrà luogo lunedì tramite collegamento video, secondo l’agenzia di stampa statale russa Tass. Nel frattempo, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden invia a Roma il suo consigliere per la sicurezza nazionale per incontrare un funzionario cinese. Ci sono preoccupazioni a Washington sul fatto che Pechino stia amplificando la disinformazione russa e possa aiutare Mosca a eludere le punizioni economiche occidentali.

Zelenskyy ha detto che continuerà a negoziare con la Russia e a fare richieste per un incontro con Putin, che, finora, sono rimaste senza risposta dal Cremlino.

“La nostra delegazione ha un compito chiaro: fare di tutto per garantire un incontro dei presidenti”, ha detto Zelenskyy in un discorso notturno alla nazione.

Zelenskyy ha affermato che i colloqui quotidiani tra i due paesi tramite videoconferenza sono necessari per stabilire un cessate il fuoco e aggiungere più corridoi umanitari, che hanno salvato più di 130.000 persone in sei giorni.

La base di addestramento attaccata vicino a Yavoriv si trova a meno di 25 chilometri (15 miglia) dal confine polacco e sembra essere l’obiettivo più occidentale colpito durante i 18 giorni di invasione russa.

La base ha ospitato esercitazioni della NATO e un alto funzionario, l’ammiraglio Rob Bauer, in precedenza l’ha salutata come l’incarnazione dello “spirito di cooperazione militare” tra l’Ucraina e le forze internazionali.

In quanto tale, il sito è un potente simbolo delle preoccupazioni di lunga data della Russia secondo cui l’espansione negli ultimi anni dell’alleanza militare occidentale di 30 membri per includere gli ex stati sovietici minacci la sua sicurezza, qualcosa che la NATO nega. Tuttavia, la minaccia percepita dalla NATO è centrale nelle giustificazioni di Mosca per la guerra, e ha chiesto all’Ucraina di abbandonare le sue ambizioni di aderire all’alleanza.

Il governatore di Leopoli Maksym Kozytskyi ha affermato che la maggior parte dei missili russi lanciati domenica “sono stati abbattuti perché il sistema di difesa aerea funzionava”. Quelli che sono sopravvissuti hanno ucciso almeno 35 persone e ferito 134, ha detto.

Gli Stati Uniti hanno condannato l’attacco a Yavoriv, ​​con il segretario di Stato Antony Blinken che ha twittato: “La brutalità deve finire”.

Combattenti russi hanno anche sparato all’aeroporto nella città occidentale di Ivano-Frankivsk, che si trova a meno di 150 chilometri (94 miglia) a nord della Romania ea 250 chilometri (155 miglia) dall’Ungheria, altri due alleati della NATO.

La NATO ha dichiarato domenica che attualmente non ha personale in Ucraina, sebbene gli Stati Uniti abbiano aumentato il numero di truppe americane dispiegate in Polonia. Il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Jake Sullivan, ha detto che l’Occidente risponderebbe se gli attacchi della Russia viaggiassero fuori dall’Ucraina e colpissero qualsiasi membro della NATO, anche accidentalmente.

Biden “è stato chiaro, ripetutamente, che gli Stati Uniti lavoreranno con i nostri alleati per difendere ogni centimetro del territorio della NATO e questo significa ogni centimetro”, ha detto Sullivan a “Face the Nation” di CBS News.

La NATO ha affermato che non invierà truppe in Ucraina, ma Sullivan ha affermato che gli Stati Uniti e i suoi alleati hanno ricevuto “importanti quantità di assistenza militare, armi e rifornimenti al fronte” e che, nonostante le minacce di attacco russe, credevano che sarebbero stati in grado di per continuare a farlo.

La città di Leopoli, nella stessa Ucraina occidentale, finora è stata risparmiata dalla portata della distruzione che si sta verificando a est ea sud. La sua popolazione di 721.000 abitanti è aumentata durante la guerra con i residenti in fuga dai centri abitati bombardati e come stazione di passaggio per i quasi 2,6 milioni di persone che sono fuggite dal paese.

I leader ucraini ed europei hanno spinto con scarso successo affinché la Russia garantisse un passaggio sicuro ai civili intrappolati dai combattimenti. Le autorità ucraine hanno affermato che domenica saranno aperti più di 10 corridoi umanitari, con l’accordo della Russia, inclusa la città portuale assediata di Mariupol, dove il consiglio comunale ha affermato che 2.187 persone sono state uccise.

Ma tali promesse si sono ripetutamente sgretolate e domenica scorsa non si è saputo se le persone fossero in grado di utilizzare le vie di evacuazione. I funzionari hanno detto che un convoglio che trasportava 100 tonnellate di aiuti sarebbe dovuto arrivare lunedì a Mariupol.

La sofferenza nella città portuale è “semplicemente immensa”, ha affermato domenica il Comitato Internazionale della Croce Rossa, osservando che centinaia di migliaia di residenti stanno “affrontando una carenza estrema o totale di beni di prima necessità come cibo, acqua e medicine”.

“I cadaveri, di civili e combattenti, rimangono intrappolati sotto le macerie o giacciono all’aperto dove sono caduti”, ha affermato l’organizzazione con sede a Ginevra in una nota. “Lesioni che cambiano la vita e condizioni croniche e debilitanti non possono essere curate”.

La lotta per Mariupol è cruciale poiché la sua cattura potrebbe aiutare la Russia a stabilire un corridoio terrestre verso la Crimea, che ha sequestrato all’Ucraina nel 2014.

Nel frattempo, domenica, i continui combattimenti su più fronti hanno causato più miseria in Ucraina e provocato una rinnovata indignazione internazionale.

Nella città ucraina meridionale di Mykolaiv, vicino al Mar Nero, le autorità hanno riferito che nove persone sono morte nei bombardamenti. Hanno detto che gli attacchi aerei russi contro un monastero e un resort per bambini nella regione orientale di Donetsk hanno colpito punti in cui si stavano rifugiando monaci e altri, ferendo 32 persone.

Intorno alla capitale, Kiev, un importante obiettivo politico e strategico per l’invasione, anche i combattimenti si sono intensificati, con bombardamenti notturni nella periferia nord-occidentale e un attacco missilistico domenica che ha distrutto un magazzino a est.

La polizia della regione di Kiev ha dichiarato sul suo sito web ufficiale che le truppe russe hanno aperto il fuoco su un’auto che trasportava due giornalisti americani. Il Dipartimento di Stato americano ha dichiarato che Brent Renaud è morto. Juan Arredondo è stato ferito.

Nel sobborgo di Kyiv di Irpin, il soldato ucraino Alexei Lipirdi, 46 anni, ha affermato che i russi “vogliono intimidirci in modo che non saremo calmi”, ma lui e la sua unità rimangono ribelli. Mentre parlava, il fumo si alzava da edifici lontani e le auto sono state danneggiate o abbandonate.

Il sindaco della città ha detto che rimangono solo circa 10.000 dei suoi 60.000 residenti. Molti che sono rimasti indietro sono gli anziani o i malati e coloro che si prendono cura di loro.

In un ospedale suburbano, i medici hanno affermato che l’80% dei loro pazienti sono civili feriti dai bombardamenti. Il paziente Volodymr Adamkovych, con l’addome fasciato, ha detto di essere stato ferito quando la sua casa è stata colpita. Ha passato la notte nel suo seminterrato prima di poter raggiungere i medici.

Il presidente Zelenskyy ha anche affermato che i russi stavano usando il ricatto e la corruzione nel tentativo di costringere i funzionari locali nella regione meridionale di Kherson a formare una “pseudo-repubblica” come quelle nelle due regioni orientali dove i separatisti sostenuti dalla Russia hanno iniziato a combattere le forze ucraine nel 2014.

Zelenskyy ha riferito sabato che 1.300 soldati ucraini erano morti durante la guerra. I russi hanno detto giorni fa che diverse centinaia delle loro forze sono morte ma non hanno fornito un conteggio aggiornato di recente.

La guerra ha ripetutamente sollevato lo spettro di incidenti nucleari poiché si sono verificati combattimenti intorno alle centrali nucleari. Domenica, l’Ucraina ha dichiarato di aver ripristinato una linea elettrica rotta alla centrale dismessa di Chernobyl, teatro del peggior disastro nucleare del mondo nel 1986.

———

Giornalisti dell’Associated Press di tutto il mondo hanno contribuito a questo rapporto.

———

Segui la copertura dell’AP sulla crisi ucraina su https://apnews.com/hub/russia-ukraine

.

LVIV, Ucraina – Domenica i missili russi hanno colpito una base militare nell’Ucraina occidentale, uccidendo 35 persone in un attacco a una struttura che fungeva da hub cruciale per la cooperazione tra l’Ucraina e i paesi della NATO a sostegno della sua difesa. Lo sbarramento ha segnato un’escalation dell’offensiva di Mosca e ha spostato i combattimenti pericolosamente vicino al confine polacco.

L’attacco così vicino a un paese membro della NATO ha sollevato la possibilità che l’alleanza potesse essere coinvolta nella lotta, ed è stato carico di simbolismo in un conflitto che ha rianimato le vecchie rivalità della Guerra Fredda e ha minacciato di riscrivere l’attuale ordine di sicurezza globale.

Più di 30 missili da crociera russi hanno preso di mira la struttura tentacolare di Yavoriv, ​​che è stata a lungo utilizzata per addestrare soldati ucraini, spesso con istruttori degli Stati Uniti e di altri paesi dell’alleanza occidentale. La Polonia è anche una via di transito per gli aiuti militari occidentali all’Ucraina e gli attacchi hanno seguito le minacce di Mosca di prendere di mira quelle spedizioni.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy lo ha definito un “giorno nero” e ha nuovamente esortato i leader della NATO a stabilire una no-fly zone sul paese, un appello che l’Occidente ha affermato potrebbe portare la guerra a uno scontro nucleare.

“Se non chiudete il nostro cielo, è solo questione di tempo prima che i missili russi cadano sul vostro territorio. territorio della NATO. Sulle case dei cittadini dei paesi della NATO”, ha detto Zelenskyy.

Oltre alle vittime, il ministero della Difesa ucraino ha affermato che 134 persone sono rimaste ferite nell’attacco.

Ina Padi, un’ucraina di 40 anni che ha attraversato il confine con la sua famiglia, si stava rifugiando in una caserma dei pompieri a Wielkie Oczy, in Polonia, quando è stata svegliata domenica mattina da esplosioni che hanno fatto tremare i vetri delle finestre.

“Ho capito in quel momento, anche se ne siamo liberi, (la guerra) ci sta ancora inseguendo”, ha detto.

Dalla loro invasione più di due settimane fa, le forze russe hanno lottato nella loro avanzata attraverso l’Ucraina, di fronte a una resistenza più dura del previsto, sostenute dal supporto delle armi occidentali. Invece, le forze russe hanno assediato diverse città e le hanno prese a pugni con attacchi, colpendo due dozzine di strutture mediche e provocando una serie di crisi umanitarie.

L’ONU ha registrato almeno 596 morti tra i civili, anche se ritiene che il bilancio reale sia molto più alto e l’ufficio del procuratore generale ucraino ha affermato che tra questi ci sono almeno 85 bambini. Anche un regista e giornalista americano è stato ucciso domenica. Milioni di persone in più sono fuggite dalle loro case nel più grande conflitto terrestre in Europa dalla seconda guerra mondiale.

I colloqui per un ampio cessate il fuoco sono finora falliti, ma il portavoce del Cremlino ha detto che un altro round avrà luogo lunedì tramite collegamento video, secondo l’agenzia di stampa statale russa Tass. Nel frattempo, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden invia a Roma il suo consigliere per la sicurezza nazionale per incontrare un funzionario cinese. Ci sono preoccupazioni a Washington sul fatto che Pechino stia amplificando la disinformazione russa e possa aiutare Mosca a eludere le punizioni economiche occidentali.

Zelenskyy ha detto che continuerà a negoziare con la Russia e a fare richieste per un incontro con Putin, che, finora, sono rimaste senza risposta dal Cremlino.

“La nostra delegazione ha un compito chiaro: fare di tutto per garantire un incontro dei presidenti”, ha detto Zelenskyy in un discorso notturno alla nazione.

Zelenskyy ha affermato che i colloqui quotidiani tra i due paesi tramite videoconferenza sono necessari per stabilire un cessate il fuoco e aggiungere più corridoi umanitari, che hanno salvato più di 130.000 persone in sei giorni.

La base di addestramento attaccata vicino a Yavoriv si trova a meno di 25 chilometri (15 miglia) dal confine polacco e sembra essere l’obiettivo più occidentale colpito durante i 18 giorni di invasione russa.

La base ha ospitato esercitazioni della NATO e un alto funzionario, l’ammiraglio Rob Bauer, in precedenza l’ha salutata come l’incarnazione dello “spirito di cooperazione militare” tra l’Ucraina e le forze internazionali.

In quanto tale, il sito è un potente simbolo delle preoccupazioni di lunga data della Russia secondo cui l’espansione negli ultimi anni dell’alleanza militare occidentale di 30 membri per includere gli ex stati sovietici minacci la sua sicurezza, qualcosa che la NATO nega. Tuttavia, la minaccia percepita dalla NATO è centrale nelle giustificazioni di Mosca per la guerra, e ha chiesto all’Ucraina di abbandonare le sue ambizioni di aderire all’alleanza.

Il governatore di Leopoli Maksym Kozytskyi ha affermato che la maggior parte dei missili russi lanciati domenica “sono stati abbattuti perché il sistema di difesa aerea funzionava”. Quelli che sono sopravvissuti hanno ucciso almeno 35 persone e ferito 134, ha detto.

Gli Stati Uniti hanno condannato l’attacco a Yavoriv, ​​con il segretario di Stato Antony Blinken che ha twittato: “La brutalità deve finire”.

Combattenti russi hanno anche sparato all’aeroporto nella città occidentale di Ivano-Frankivsk, che si trova a meno di 150 chilometri (94 miglia) a nord della Romania ea 250 chilometri (155 miglia) dall’Ungheria, altri due alleati della NATO.

La NATO ha dichiarato domenica che attualmente non ha personale in Ucraina, sebbene gli Stati Uniti abbiano aumentato il numero di truppe americane dispiegate in Polonia. Il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Jake Sullivan, ha detto che l’Occidente risponderebbe se gli attacchi della Russia viaggiassero fuori dall’Ucraina e colpissero qualsiasi membro della NATO, anche accidentalmente.

Biden “è stato chiaro, ripetutamente, che gli Stati Uniti lavoreranno con i nostri alleati per difendere ogni centimetro del territorio della NATO e questo significa ogni centimetro”, ha detto Sullivan a “Face the Nation” di CBS News.

La NATO ha affermato che non invierà truppe in Ucraina, ma Sullivan ha affermato che gli Stati Uniti e i suoi alleati hanno ricevuto “importanti quantità di assistenza militare, armi e rifornimenti al fronte” e che, nonostante le minacce di attacco russe, credevano che sarebbero stati in grado di per continuare a farlo.

La città di Leopoli, nella stessa Ucraina occidentale, finora è stata risparmiata dalla portata della distruzione che si sta verificando a est ea sud. La sua popolazione di 721.000 abitanti è aumentata durante la guerra con i residenti in fuga dai centri abitati bombardati e come stazione di passaggio per i quasi 2,6 milioni di persone che sono fuggite dal paese.

I leader ucraini ed europei hanno spinto con scarso successo affinché la Russia garantisse un passaggio sicuro ai civili intrappolati dai combattimenti. Le autorità ucraine hanno affermato che domenica saranno aperti più di 10 corridoi umanitari, con l’accordo della Russia, inclusa la città portuale assediata di Mariupol, dove il consiglio comunale ha affermato che 2.187 persone sono state uccise.

Ma tali promesse si sono ripetutamente sgretolate e domenica scorsa non si è saputo se le persone fossero in grado di utilizzare le vie di evacuazione. I funzionari hanno detto che un convoglio che trasportava 100 tonnellate di aiuti sarebbe dovuto arrivare lunedì a Mariupol.

La sofferenza nella città portuale è “semplicemente immensa”, ha affermato domenica il Comitato Internazionale della Croce Rossa, osservando che centinaia di migliaia di residenti stanno “affrontando una carenza estrema o totale di beni di prima necessità come cibo, acqua e medicine”.

“I cadaveri, di civili e combattenti, rimangono intrappolati sotto le macerie o giacciono all’aperto dove sono caduti”, ha affermato l’organizzazione con sede a Ginevra in una nota. “Lesioni che cambiano la vita e condizioni croniche e debilitanti non possono essere curate”.

La lotta per Mariupol è cruciale poiché la sua cattura potrebbe aiutare la Russia a stabilire un corridoio terrestre verso la Crimea, che ha sequestrato all’Ucraina nel 2014.

Nel frattempo, domenica, i continui combattimenti su più fronti hanno causato più miseria in Ucraina e provocato una rinnovata indignazione internazionale.

Nella città ucraina meridionale di Mykolaiv, vicino al Mar Nero, le autorità hanno riferito che nove persone sono morte nei bombardamenti. Hanno detto che gli attacchi aerei russi contro un monastero e un resort per bambini nella regione orientale di Donetsk hanno colpito punti in cui si stavano rifugiando monaci e altri, ferendo 32 persone.

Intorno alla capitale, Kiev, un importante obiettivo politico e strategico per l’invasione, anche i combattimenti si sono intensificati, con bombardamenti notturni nella periferia nord-occidentale e un attacco missilistico domenica che ha distrutto un magazzino a est.

La polizia della regione di Kiev ha dichiarato sul suo sito web ufficiale che le truppe russe hanno aperto il fuoco su un’auto che trasportava due giornalisti americani. Il Dipartimento di Stato americano ha dichiarato che Brent Renaud è morto. Juan Arredondo è stato ferito.

Nel sobborgo di Kyiv di Irpin, il soldato ucraino Alexei Lipirdi, 46 anni, ha affermato che i russi “vogliono intimidirci in modo che non saremo calmi”, ma lui e la sua unità rimangono ribelli. Mentre parlava, il fumo si alzava da edifici lontani e le auto sono state danneggiate o abbandonate.

Il sindaco della città ha detto che rimangono solo circa 10.000 dei suoi 60.000 residenti. Molti che sono rimasti indietro sono gli anziani o i malati e coloro che si prendono cura di loro.

In un ospedale suburbano, i medici hanno affermato che l’80% dei loro pazienti sono civili feriti dai bombardamenti. Il paziente Volodymr Adamkovych, con l’addome fasciato, ha detto di essere stato ferito quando la sua casa è stata colpita. Ha passato la notte nel suo seminterrato prima di poter raggiungere i medici.

Il presidente Zelenskyy ha anche affermato che i russi stavano usando il ricatto e la corruzione nel tentativo di costringere i funzionari locali nella regione meridionale di Kherson a formare una “pseudo-repubblica” come quelle nelle due regioni orientali dove i separatisti sostenuti dalla Russia hanno iniziato a combattere le forze ucraine nel 2014.

Zelenskyy ha riferito sabato che 1.300 soldati ucraini erano morti durante la guerra. I russi hanno detto giorni fa che diverse centinaia delle loro forze sono morte ma non hanno fornito un conteggio aggiornato di recente.

La guerra ha ripetutamente sollevato lo spettro di incidenti nucleari poiché si sono verificati combattimenti intorno alle centrali nucleari. Domenica, l’Ucraina ha dichiarato di aver ripristinato una linea elettrica rotta alla centrale dismessa di Chernobyl, teatro del peggior disastro nucleare del mondo nel 1986.

———

Giornalisti dell’Associated Press di tutto il mondo hanno contribuito a questo rapporto.

———

Segui la copertura dell’AP sulla crisi ucraina su https://apnews.com/hub/russia-ukraine

.

More from author

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli Correlati

Advertismentspot_img

Ultimi Post

Britain’s Boris Johnson battles to stay as PM amid revolt

A defiant British Prime Minister Boris Johnson is battling to remain in office, shrugging off calls for his resignation after three Cabinet ministers and a slew of junior officials said they could no longer serve under his scandal-plagued leadership

Russia pounds rebel-claimed region, Ukraine pushes back

Russia has redoubled its push for Ukraine’s eastern Donbas region, with the Ukrainian military claiming to have repelled some advances

Police haul off big cats, other animals after sanctuary raid

Authorities durante Mexico City have begun haulduranteg away 177 lions, tigers, jaguars and other exotic big cats that were found at an animal rescue center durante the mountadurantes on the city's south side