La Galleria Storica dei Vigili del Fuoco di Napoli

Ascolta la versione audio dell’articolo

Un vero gioiello nascosto la Galleria Storica dei Vigili del Fuoco di Napoli, unica città italiana che la CNN consiglia di visitare in questo 2022 ancora segnato dall’emergenza sanitaria. Accanto ai tesori più noti, in pieno centro storico, la Galleria di via del Sole numero 10 va inserita nell’itinerario del turista più attento, per l’imponente sede e per la ricchezza che vi è custodita. L’edificio sorge nell’ex convento della Pietrasanta, e gli spazi museali, inaugurati nel 2017, sono di nuovo visitabili previo appuntamento da richiedere via mail a [email protected]
Nell’unica grande sala completamente ristrutturata sono esposti materiale, documenti e immagini riguardanti l’attività dei Vigili del Fuoco a partire dalla prima meta’ del 1800 oltre ad alcuni quadri del ‘700 e dell’800 napoletano. La sottoscritta ha avuto la fortuna di avere un cicerone d’eccezione, chi ha curato la Galleria sin dalla nascita: Michele La Veglia, ingegnere vice dirigente, che dal 2013 è anche responsabile dell’Ufficio Memoria e Patrimonio Storico della Direzione Regionale VVF Campania. E quanto a memoria gli aneddoti da raccontare sono davvero tanti, a partire dal fatto – ci ha raccontato – che i pompieri a Napoli nacquero prima che nel resto dello stivale: nel 1806 con Giuseppe Napoleone, fratello di Napoleone Bonaparte, che fondò in città il primo corpo dei Pompieri Italiani sul modello francese dei Sapeurs Pompiers.

Poi, dopo il decennio francese, con Ferdinando II di Borbone il Corpo dei Pompieri fu rifondato e nel 1833 vi fu assegnata la sede dell’ex Monastero della Pietrasanta. Nel cortile d’ingresso ci imbattiamo nella lapide marmorea che ricorda proprio il decreto di fondazione, quello che all’articolo 42 precisa che un ingegnere dovrà essere a capo delle operazioni in caso di intervento, che ricordiamo, non è solo per incendi, ma anche per crolli o altre emergenze. Come detto però a Napoli l’editto del 28 febbraio 1806 segnò la nascita dei pompieri molto prima che altrove e il manifesto custodito nella Galleria storica ci riferisce di un’altra curiosità: la divisa dei pompieri napoleonici era nera con banda laterale rossa, sull’elmetto una granata dalla quale usciva una fiamma, simboli tuttora presenti sulle divise dell’Arma dei Carabinieri, mentre sono scomparse da quelle dei Pompieri. Napoli prima in Italia, Napoli che fu di esempio in tutto lo stivale quanto al prestigio della sua guida affidata ad un padre speciale come Francesco del Giudice, entrato nel corpo da ingegnere aiutante il 14 marzo 1836 a Napoli, padre però di tutti i pompieri italiani grazie alle sue invenzioni. Del Giudice fu direttore dei pompieri di Napoli dal 1838 al 1880, “unico caso di figura pubblica del Regno delle Due Sicilie che mantenne la sua carica anche dopo l’Unità d’Italia”. Comandante, scienziato, innovatore e docente, del Giudice innovò le pompe idrauliche rendendole più leggere e quindi trasportabili, introdusse per la prima volta la vigilanza antincendio preventiva “da applicare nei teatri cittadini della capitale del Regno”, inventò la scala di salvataggio su ruote, il ponticello di salvamento e brevettò l’avvisatore elettrico di incendi. A lui è dedicata una strada nel centro storico di Napoli, un busto in Villa comunale e la stessa caserma di via del Sole. Affascinanti le piccole e grandi storie del corpo e della città che La Veglia ci ha fornito per ognuno degli oggetti conservati nel museo. Le storie sono immortalate anche nelle foto esposte nel bel corridoio di accesso, il cui allestimento è stato voluto dal nuovo Direttore Regionale dei VVF Campania, Emanuele Franculli, che ha rilanciato la possibilità di visita agli spazi museali. Una visita che non ci aspettavamo così appassionante e che non possiamo che consigliarvi.

Ascolta la versione audio dell’articolo

Un vero gioiello nascosto la Galleria Storica dei Vigili del Fuoco di Napoli, unica città italiana che la CNN consiglia di visitare in questo 2022 ancora segnato dall’emergenza sanitaria. Accanto ai tesori più noti, in pieno centro storico, la Galleria di via del Sole numero 10 va inserita nell’itinerario del turista più attento, per l’imponente sede e per la ricchezza che vi è custodita. L’edificio sorge nell’ex convento della Pietrasanta, e gli spazi museali, inaugurati nel 2017, sono di nuovo visitabili previo appuntamento da richiedere via mail a [email protected]
Nell’unica grande sala completamente ristrutturata sono esposti materiale, documenti e immagini riguardanti l’attività dei Vigili del Fuoco a partire dalla prima meta’ del 1800 oltre ad alcuni quadri del ‘700 e dell’800 napoletano. La sottoscritta ha avuto la fortuna di avere un cicerone d’eccezione, chi ha curato la Galleria sin dalla nascita: Michele La Veglia, ingegnere vice dirigente, che dal 2013 è anche responsabile dell’Ufficio Memoria e Patrimonio Storico della Direzione Regionale VVF Campania. E quanto a memoria gli aneddoti da raccontare sono davvero tanti, a partire dal fatto – ci ha raccontato – che i pompieri a Napoli nacquero prima che nel resto dello stivale: nel 1806 con Giuseppe Napoleone, fratello di Napoleone Bonaparte, che fondò in città il primo corpo dei Pompieri Italiani sul modello francese dei Sapeurs Pompiers.

Poi, dopo il decennio francese, con Ferdinando II di Borbone il Corpo dei Pompieri fu rifondato e nel 1833 vi fu assegnata la sede dell’ex Monastero della Pietrasanta. Nel cortile d’ingresso ci imbattiamo nella lapide marmorea che ricorda proprio il decreto di fondazione, quello che all’articolo 42 precisa che un ingegnere dovrà essere a capo delle operazioni in caso di intervento, che ricordiamo, non è solo per incendi, ma anche per crolli o altre emergenze. Come detto però a Napoli l’editto del 28 febbraio 1806 segnò la nascita dei pompieri molto prima che altrove e il manifesto custodito nella Galleria storica ci riferisce di un’altra curiosità: la divisa dei pompieri napoleonici era nera con banda laterale rossa, sull’elmetto una granata dalla quale usciva una fiamma, simboli tuttora presenti sulle divise dell’Arma dei Carabinieri, mentre sono scomparse da quelle dei Pompieri. Napoli prima in Italia, Napoli che fu di esempio in tutto lo stivale quanto al prestigio della sua guida affidata ad un padre speciale come Francesco del Giudice, entrato nel corpo da ingegnere aiutante il 14 marzo 1836 a Napoli, padre però di tutti i pompieri italiani grazie alle sue invenzioni. Del Giudice fu direttore dei pompieri di Napoli dal 1838 al 1880, “unico caso di figura pubblica del Regno delle Due Sicilie che mantenne la sua carica anche dopo l’Unità d’Italia”. Comandante, scienziato, innovatore e docente, del Giudice innovò le pompe idrauliche rendendole più leggere e quindi trasportabili, introdusse per la prima volta la vigilanza antincendio preventiva “da applicare nei teatri cittadini della capitale del Regno”, inventò la scala di salvataggio su ruote, il ponticello di salvamento e brevettò l’avvisatore elettrico di incendi. A lui è dedicata una strada nel centro storico di Napoli, un busto in Villa comunale e la stessa caserma di via del Sole. Affascinanti le piccole e grandi storie del corpo e della città che La Veglia ci ha fornito per ognuno degli oggetti conservati nel museo. Le storie sono immortalate anche nelle foto esposte nel bel corridoio di accesso, il cui allestimento è stato voluto dal nuovo Direttore Regionale dei VVF Campania, Emanuele Franculli, che ha rilanciato la possibilità di visita agli spazi museali. Una visita che non ci aspettavamo così appassionante e che non possiamo che consigliarvi.

More from author

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli Correlati

Advertismentspot_img

Ultimi Post

In Emilia Romagna ritorna La Notte Celeste

In Emilia Romagna ritorna La Notte Celeste

Emilia Romagna, terra dello star bene: torna La Notte Celeste

In Emilia Romagna si festeggerà per tre giorni consecutivi in 12 borghi e in 14 centri termali, da Salsomaggiore (Pr) a Riccione (Rn) con decine di appuntamenti fra spettacoli, cabaret, musica, picnic e degustazioni, escursioni a piedi e in bici in natura, e le immancabili aperture straordinarie fino a tarda sera degli stabilimenti termali, per dilettarsi di trattamenti benessere e delle piscine termali nelle magiche notti estive. I luoghi - La Notte Celeste dell'Emilia-Romagna - arrivata alla 10a edizione - ritorna a illuminare località e centri termali, per regalare alle famiglie e ai giovani uno spensierato week end di relax, divertimento e benessere. Perché l'Emilia Romagna è la terra dello star bene - come recita il claim - con i suoi centri termali, i paesaggi collinari, i caratteristici borghi medievali, la buona tavola e le ampie e attrezzate spiagge della Riviera. I borghi storici e i centri termali che accoglieranno gli ospiti con varie iniziative dedicate alla salute psico-fisica, allo svago, alla bellezza e alla leggerezza sono: Salsomaggiore Terme (Pr), con le Terme di Salsomaggiore e di Tabiano, Monticelli Terme e il suo centro termale (Pr), Sassuolo (Mo) e le Terme della Salvarola, Monterenzio e le Terme dell'Agriturismo, Porretta Terme e il suo parco termale (Bo), Castel San Pietro Terme e le sue terme (Bo), Castrocaro Terme e il suo centro termale (FC), Bertinoro e il Grand Hotel Terme della Fratta Allegroitalia (FC), Bagno di Romagna, con il Ròseo Euroterme Wellness Resort e le Terme Santa Agnese (FC), Riolo Terme e le sue terme (Ra), Riminiterme e Riccione Terme (Rn). Salsomaggiore e Monticelli - Tra i tanti appuntamenti ricordiamo quello che si terrà a Salsomaggiore domenica sera 28 agosto sul palco della Pinko Arena di Parco Mazzini del caratteristico borgo di Salsomaggiore si esibirà Arisa, con il suo “Arisa Little Summer Tour”.  Le Terme di Tabiano offrono nel weekend una serie di trattamenti rinfrescanti, con ingresso alla piscina termalizzata nel centro benessere T-Spatium, mentre le Terme di Salsomaggiore propongono trattamenti termali rigeneranti e rinfrescanti. Il giorno prima, nella splendida cornice del parco secolare delle Terme di Monticelli (Pr), sabato 27 ci sarà una sera speciale: l'apertura in notturna della piscina termale, della galleria Matisse con le saune del terrazzo estivo con vasca idromassaggio esterna, il ogni arricchito da un apericena sotto le stelle con open bar. Per tutte le informazioni: www.lanotteceleste.it  

Ammirare le stelle cadenti nel Borgo dei Desideri

L'appuntamento da segnare in agenda è per il 10 agosto 2022. Dove? Nel luogo più magico - il pozzo, la fontana o un giardino - di uno dei borghi dell'associazione che avrete scelto per trascorrere la serata più suggestiva dell'estate. Dal tramonto all'alba - Sono questi i presupposti da cui nasce l'evento dell'estate dei Borghi più belli d'Italia, il “Borgo dei Desideri”, giunto quest'anno alla sua 3^ edizione: accogliere i visitatori nei meravigliosi borghi dell'Italia nascosta, la sera del 10 agosto, dal tramonto all'alba, e affidare a questi luoghi pieni di suggestione, fascino e atmosfera i propri desideri, scrivendoli e lasciandoli nei luoghi più magici che essi custodiscono: un pozzo, una fontana, un ponte o un giardino segreto. Il magazzino dei desideri - Dopo il successo della scorsa edizione, durante la quale sono stati migliaia i desideri espressi e depositati nei borghi, quest'anno si è pensato di proporre un tema - parecchio nuovo e sentito - sul quale esprimere il proprio desiderio, ossia “garanzia ambientale e preservare il pianeta dai cambiamenti climatici”. Tutti i desideri che saranno lasciati nel luogo identificato da ogni borgo saranno poi raccolti dal Comune, che dovrà nominare una giuria incaricata di selezionarne uno che concorrerà alla selezione finale. Una commissione nazionale voterà poi i primi tre desideri pervenuti da tutt'Italia, i cui autori saranno premiati con uno Smartbox per un weekend per due persone in uno dei Borghi più belli d'Italia. Eventi per la notte delle stelle cadenti - Ogni borgo organizzerà per la serata del 10 agosto iniziative ad hoc ed eventi per far scoprire tutta la bellezza del luogo e assaporare prodotti e specialità della tradizione. Musica, teatro, visite guidate, degustazioni e, nella Notte di San Lorenzo e delle stelle cadenti, tante iniziative per osservare il cielo. Per maggiori informazioni: www.borghipiubelliditalia.it